Christian Delcampagna

Article

June 26, 2022

Christian Delacampgne, nato il 23 dicembre 1949 a Dakar e morto il 20 maggio 2007 a Parigi, è stato un filosofo e saggista francese.

Biografia

Christian Delacampgne ha studiato filosofia a Parigi (Ecole Normale Supérieure nel 1969; aggregazione in filosofia nel 1972; dottorato in lettere e scienze umane nel 1982). Dopo aver esercitato varie professioni in vari paesi (insegnante di filosofia al liceo, giornalista, direttore di un Istituto o Centro Culturale Francese a Barcellona, ​​​​Madrid, Il Cairo, Tel Aviv e addetto culturale a Boston, si stabilisce negli Stati Uniti nel 1998 È stato professore di studi francesi al Connecticut College, New London (CT) dal 1998 al 2000, poi alla Tufts University, Medford (MA) dal 2000 al 2002 e professore ordinario (letteratura e filosofia francese del XX secolo) al Dipartimento di Lingue e Letterature romanze alla Johns Hopkins University di Baltimora (Maryland), dal 2001 al 2006 compreso, prima di tornare in Francia. Ha pubblicato una trentina di libri, tra cui diversi saggi su questioni di filosofia politica. Alcuni di loro sono stati tradotti in varie lingue. È anche autore di libri scritti con artisti e di diverse centinaia di articoli. Molti di questi sono apparsi su Le Monde, quotidiano a cui ha collaborato regolarmente dal 1973 al 2004. Ha anche contribuito occasionalmente a vari giornali e riviste, principalmente in Francia (Les Temps Modernes, Critique, Cités, Études, Le Magazine littéraire, Le Nouvel Observateur), ma anche in Spagna (El Viejo Topo, Quimera, El País, La Vanguardia, Cambio 16) e negli Stati Uniti (Commentary, Raw Vision, French Politics, Culture & Society, SubStance, MLN ). Morì il 20 maggio 2007 a Parigi a causa di un cancro.

Vita personale

È il marito della fotografa Ariane Delacampagne.

Lavoro

Storico delle idee, fu autore prolifico e inclassificabile. Assegna alla filosofia il compito di mettere in luce i meccanismi di dominio e oppressione nel corso della storia. La sua ricerca si è concentrata in particolare sul razzismo, che cerca di distinguere dalla xenofobia, sullo "scontro di civiltà", contro il quale si è opposto, e sull'arte, in particolare pittura e arte cruda, di cui si è interessato molto presto .

Pubblicazioni

Antipsichiatria o Le vie del sacro, Parigi, Grasset, 1974, Premio Lange dell'Accademia di Francia nel 1975 Razzismo, con Léon Poliakov e Patrick Girard, Parigi, Seghers, 1976 Figure dell'oppressione, Parigi, PUF, 1977 Ladakh, con Gérard Busquet, Parigi, Buchet-Chastel e Nuove frontiere, 1977 A margine: l'Occidente e gli altri (opera collettiva), Parigi, Aubier, 1978 Il lupo barocco, Parigi, Grasset, 1979 Filosofo: domande contemporanee: materiali per l'insegnamento (opera collettiva pubblicata con la collaborazione di Robert Maggiori), Parigi, Fayard, 1980 Gli aborigeni dell'India, con Gérard Busquet, Parigi, Arthaud, 1981 L'invenzione del razzismo: Antichità e Medioevo, Parigi, Fayard, 1983 [versione rivista di una tesi di dottorato discussa nel 1982] Madrid (lavoro collettivo), Parigi, Altrimenti, 1987 L'avventura della pittura moderna da Cézanne ai giorni nostri, Parigi, Mengès, 1988 Outsiders: pazzi, ingenui e chiaroveggenti nella pittura moderna (1880-1960), Parigi, Mengès, 1989 Egitto immortale, con fotografie di Erich Lessing, Parigi, Nathan, 1990 Storia della filosofia nel XX secolo, Parigi, Seuil, 1995 Sull'indifferenza: un saggio sulla banalizzazione del male, Paris, Odile Jacob, 1998 Da una Repubblica all'altra: interviste su storia e politica, con Maurice Faure, Parigi, Plon, 1999 Josep Grau-Garriga, Parigi, Circolo dell'Arte, 2000 Il libro nel vaso, con incisione di Mario Chichorro, Perpignan, Nahuja, 2000 Il filosofo e il tiranno: storia di un malato