cattolicesimo

Article

June 25, 2022

Il cattolicesimo è la religione dei cristiani che riconosce l'autorità del papa e dei vescovi, specialmente nell'istituzione della loro dottrina, nella sua trasmissione e nell'organizzazione del loro culto. La Chiesa cattolica considera cattolici tutti i battezzati nella Chiesa cattolica, ma non definisce i criteri di appartenenza come potrebbe fare un sociologo quando cerca di determinare cosa caratterizza l'appartenenza oggettiva a una religione. Con 1.345 miliardi di cattolici sulla Terra, è di gran lunga la prima denominazione cristiana al mondo. Il cristianesimo è anche di gran lunga la religione maggioritaria in tutto il mondo. Il cattolicesimo oggi, ricordando che l'aggettivo “cattolico” rimanda alle origini stesse del cristianesimo e al simbolo di Nicea, intende “situarsi nella continuità di una tradizione bimillenaria di ricerca dell'unità e dell'universalità”. Nel cattolicesimo così definito, la vita cristiana è scandita dai sacramenti: battesimo, cresima, eucaristia, riconciliazione, matrimonio, unzione degli infermi e, per diaconi, sacerdoti e vescovi, l'ordinazione. Il cattolicesimo può essere sperimentato in vari stati di vita e in una grande diversità di correnti e organizzazioni che fanno tutte parte della Chiesa cattolica. La grande maggioranza dei cattolici fa parte della Chiesa latina, ma la Chiesa cattolica comprende anche 23 Chiese cattoliche orientali che hanno, tra le altre peculiarità, il diritto di ordinare sacerdoti uomini sposati, che in queste Chiese cattoliche non sono per tutti che consideravano meno disponibili per il loro ministero. Storicamente, l'uso del termine "cattolicesimo" risale al XVI secolo per marcare la differenza con le confessioni protestanti all'interno dell'Occidente cristiano, ma per uchrony, la storiografia cattolica di cui autori fondamentali come Charles George Herbermann (Catholic Encyclopedia) o Michel Le Quien (Oriens Christianus) usano questo termine per designare il cristianesimo niceno del primo millennio organizzato in una pentarchia, che, secondo la dottrina della fede cattolica, fa apparire la Chiesa di Roma (che non riconobbe mai la pentarchia) come la unica continuazione diretta della chiesa primitiva. Ma altri autori come Walter Bauer e Adolf von Harnack ritengono che sia il dogma a creare lo scisma, che l'eresia e l'ortodossia siano un sistema e che nell'antico cristianesimo non esistesse alcuna unità dottrinale. Secondo l'Annuario Pontificio 2021, alla fine del 2019 nella Chiesa cattolica erano 1.345 miliardi i battezzati, il che rappresenta un aumento di 117 milioni di cattolici rispetto alla fine del 2012. Alla fine del 2012, infatti, i battezzati erano 1.228 miliardi in questa Chiesa. Tra la fine del 2012 e la fine del 2013, il numero dei cattolici è quindi aumentato del 2,12%. La crescita del numero dei cattolici tende ad accelerare da circa 10 anni. Tra il 2005 e il 2019 la crescita dei cattolici è stata del 20,6%, con un incremento di 230 milioni. Questi battezzati hanno pratiche, convinzioni e impegni religiosi estremamente variabili: “in tutti i sondaggi d'opinione emerge un divario crescente tra le credenze o prescrizioni della Chiesa e quelle delle popolazioni che si dichiarano cattoliche”. Il cattolicesimo è presente oggi in quasi tutti i paesi del mondo, principalmente in Europa, America e Africa subsahariana, molto meno in Asia e nel mondo arabo-musulmano. È in calo nei paesi occidentali e in forte crescita in Africa e in Asia. La crescita del numero dei cattolici nel mondo è di poco superiore a quella della popolazione mondiale. Nel 1978 il mondo contava circa il 18% di cattolici contro il 17% del 2004, il 17,3%