Biblioteca Nazionale di Francia

Article

August 15, 2022

La Biblioteca Nazionale di Francia (BnF), così denominata dal 1994, è la biblioteca nazionale della Repubblica francese, inaugurata con questo nuovo nome il 30 marzo 1995 dal Presidente della Repubblica, François Mitterrand. Erede delle collezioni reali istituite fin dal Medioevo, possiede una delle collezioni più ricche del mondo. La BnF ha la missione di raccogliere, archiviare e mantenere (conservazione, restauro), in particolare tutto ciò che è pubblicato o edito in Francia, nonché il patrimonio ereditato da precedenti collezioni e ricevuto da altri canali (donazioni, lasciti, acquisti), ma anche attività di ricerca e diffusione della conoscenza, in particolare attraverso l'organizzazione regolare di mostre per il grande pubblico e molteplici eventi culturali, conferenze, seminari, concerti, nei suoi locali e sul suo sito web. Gestisce una rete di cooperazione con altri servizi documentari in Francia e partecipa a varie forme di cooperazione internazionale in questo settore. Prima istituzione responsabile della raccolta del deposito legale, dal 1537, è la biblioteca più importante di Francia e una delle più importanti del mondo. Ha lo status di ente amministrativo pubblico. Le sue attività sono distribuite su sette siti, il principale dei quali è la biblioteca del sito François-Mitterrand o Tolbiac, situata nel 13° arrondissement di Parigi, sulla riva sinistra della Senna. Il sito storico, risalente al XVII secolo, che ora occupa un intero isolotto, si trova nel 2° arrondissement di Parigi, sul sito del Palazzo Mazzarino che ospitava anche la Borsa di Parigi nel XVIII secolo. È consuetudine chiamarlo “quadrilatère Richelieu”, dal nome della via dal suo ingresso principale. La Biblioteca Nazionale di Francia ha quattordici dipartimenti e diverse collezioni conservate principalmente nei suoi quattro siti parigini, tra cui il Dipartimento di monete, medaglie e antichità, erede del Cabinet des Médailles. Tutte le raccolte rappresentano circa 40 milioni di documenti stampati e specializzati. Fuori Parigi, comprende la casa Jean-Vilar ad Avignone e due centri di conservazione tecnica a Bussy-Saint-Georges e Sablé-sur-Sarthe. Le sue collezioni ammontano a un totale di 15 milioni di libri e stampati, oltre a diversi milioni di periodici, per un totale di 390.000 titoli. Con 10.000 manoscritti medievali miniati, è la prima biblioteca al mondo in questo campo, ma conta più ampiamente circa 250.000 manoscritti, mappe, stampe, fotografie, spartiti, monete, medaglie, documenti sonori, video, multimediali, digitali o informatici ( 16,5 miliardi di indirizzi URL), oggetti e opere d'arte, scenografie e costumi, ecc. La biblioteca riceve ogni anno oltre 70.000 libri tramite deposito legale, oltre 250.000 numeri di periodici e migliaia di documenti specializzati, ma acquista e riceve anche donazioni. Il deposito legale Web ha conservato quasi un Petabyte (Po) di dati. Gran parte delle referenze sono consultabili online nel catalogo generale della BnF e nei suoi cataloghi specializzati. Il BnF è noto anche per la sua biblioteca digitale, Gallica, che consente la consultazione diretta della riproduzione di oltre 7.600.000 documenti in formato testo, immagine o suono. Il sito François-Mitterrand ospita anche l'Inathèque de France, responsabile del deposito legale di radio e televisione e comprendente anche una collezione di film. Il nome "Biblioteca nazionale di Francia" è quello dell'istituzione pubblica, che raggruppa sette siti. Il nome ufficiale del sito di Tolbiac è “sito François-Mitterrand”. È stato dato al d