Bertrand Russel

Article

August 15, 2022

Bertrand Arthur William Russell, 3° conte Russell, nato il 18 maggio 1872 a Trellech (Monmouthshire, Galles) e morto il 2 febbraio 1970 vicino a Penrhyndeudraeth, Galles, è un matematico, logico, filosofo, epistemologo, uomo politico e moralista britannico. Russell è considerato uno dei più importanti filosofi del XX secolo. Il suo pensiero può essere presentato lungo tre assi principali. La logica è alla base della matematica: Russell è, con Frege, uno dei fondatori della logica contemporanea. La sua opera principale, scritta con Alfred North Whitehead, è intitolata Principia Mathematica. Seguendo il lavoro di Peano sull'assiomatizzazione dell'aritmetica, Russell ha cercato di applicare il proprio lavoro in logica alla questione del fondamento della matematica (cfr Logicismo). Sostiene l'idea di una filosofia scientifica e suggerisce di applicare l'analisi logica a problemi tradizionali, come l'analisi della mente, della materia (problema corpo-mente), della conoscenza o dell'esistenza del mondo esterno. Egli è quindi il padre della filosofia analitica. Jules Vuillemin lo farà conoscere in Francia. Scrive opere filosofiche in un linguaggio semplice e accessibile, per condividere la sua concezione di una filosofia razionalista che opera per la pace e l'amore. È impegnato in molte controversie che gli sono valse la qualifica di "Inglese Voltaire" o "Voltaire del XX secolo", difende idee vicine al socialismo con tendenza libertaria e milita anche contro tutte le forme di religione, ritenendole sistemi di crudeltà ispirati dalla paura e dall'ignoranza. Organizza il tribunale Sartre-Russell contro i crimini commessi durante la guerra del Vietnam. La sua opera, che comprende anche romanzi e racconti, è stata incoronata nel 1950 con il Premio Nobel per la Letteratura, in particolare per il suo impegno per l'umanesimo e come libero pensatore. Infine, diventa membro del Parlamento britannico.

Biografia

Bertrand Russell, secondo figlio del visconte Amberley, nacque il 18 maggio 1872 a Trellech, nel Monmouthshire, nel Galles. Il suo padrino era il filosofo, logico, economista e politico inglese John Stuart Mill, amico dei suoi genitori, che morì l'anno successivo. La sua madrina è Helen Taylor, figlia di Harriet Taylor Mill e nuora di Mill. Perse sua madre e sua sorella nel 1875, poi suo padre nel 1876. Suo nonno, Lord John Russell, il 1° conte Russell, secondo figlio del 6° duca di Bedford (ex Primo Ministro del Regno Unito dal 1846 al 1852 e dal 1865 fino al 1866) e sua nonna (nata Lady Frances Elliot), entrambe rigorosamente vittoriane, ottennero la custodia di lui e di suo fratello maggiore John Francis Stanley. Dopo la morte del nonno nel 1878, i due fratelli furono allevati dalla nonna, Lady Russell, in un'atmosfera religiosa e repressiva. Suo fratello, John Francis, successe al titolo di conte Russell. Bertrand è un adolescente solitario, con impulsi suicidi, educato a casa da tutor e che trascorre molte ore nella biblioteca del defunto Lord Russell. Suo fratello lo introdusse alla geometria durante l'estate del 1883. Russell poi sviluppò una passione per la matematica. Scriverà nella sua autobiografia che la sua scoperta di Euclide fu "per lui abbagliante come il suo primo amore". Nel 1890 entrò al Trinity College dell'Università di Cambridge, dove fu uno dei Cambridge Apostles. Studiò matematica (sotto la direzione di Alfred North Whitehead con il quale strinse amicizia) e scienze morali. Nel 1894 sposò per la prima volta Alys Pearsall Smith, una quacchera americana, contro il consiglio di sua nonna. Dal 1896 intraprende la carriera scientifica, incontra Peano e corrisponde a Frege. Nel 1901 formulò il par