Battaglia di Sumy

Article

June 28, 2022

La battaglia di Sumy è una battaglia iniziata il 24 febbraio 2022, durante l'invasione russa dell'Ucraina. L'esercito russo ha invaso la città ucraina di Sumy, situata vicino al confine russo-ucraino, con poca resistenza prima che soldati e miliziani ucraini ingaggiassero le forze russe nella città, provocando pesanti combattimenti urbani.

Sfondo

Sumy (ucraino: Суми) è una città nel nord-est dell'Ucraina e la capitale amministrativa dell'Oblast di Sumy. La sua popolazione è di 259.660 nel 2021. Si trova a 30 km dal confine tra Russia e Ucraina. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel 2022 fa parte della crisi ucraina, nata dal movimento Euromaidan del 2013-2014 a cui era seguita la guerra del Donbass dal 2014. Nel 2021 emergono tensioni progressive, prima da un esercito prolungato e senza precedenti rafforzamento dei confini ucraini con Russia, Bielorussia e Crimea annessi nel 2014 dalla Russia, poi, il 21 febbraio 2022, dal riconoscimento da parte del Presidente russo dell'indipendenza delle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, repubbliche separatiste in la regione del Donbass dell'Ucraina orientale. Dopo un'incursione delle forze armate russe nel Donbass, il 24 febbraio è stata lanciata in tutta l'Ucraina un'offensiva aerea, marittima e terrestre generale.

Battaglia

Invasione

I carri armati e le unità russe entrano a Sumy il 24 febbraio 2022 e i combattimenti iniziano alla periferia intorno alle 3 del mattino. C'è un'intensa guerra urbana tra i difensori ucraini e le forze russe. Una chiesa a Sumy è stata bruciata dopo la battaglia. I combattimenti tra le due forze sono continuati intorno alle 22:30 del 24 febbraio vicino alla Sumy State University, dove era di stanza la 27a brigata di artiglieria ucraina. All'01:39 del 25 febbraio, le forze russe si sono ritirate dalla città. La mattina del 27 febbraio, una colonna di veicoli russi è entrata a Sumy da est. Alexander Lyssenko, sindaco di Sumy, riporta 4 bombardamenti con diverse vittime civili.

Evacuazione della popolazione civile

All'inizio di marzo 2022, il governo ucraino cerca di organizzare corridoi umanitari per evacuare la popolazione civile di Sumy, così come altre città assediate. I progetti falliscono ripetutamente a causa dei continui attacchi aerei russi. Il 7 marzo, la Russia ha respinto un tentativo di cessate il fuoco in quattro città per consentire la fuga dei civili. Tra la popolazione bloccata a Sumy ci sono studenti stranieri della Sumy State University, inclusi 700 cittadini indiani. Dopo la morte di un loro connazionale nella battaglia di Kharkiv, il loro destino suscita un dibattito politico in India dove il governo è accusato di non aver organizzato il loro rimpatrio. Nella notte tra il 7 e l'8 marzo, un bombardamento aereo ha colpito una strada residenziale di Sumy. Le autorità ucraine riferiscono almeno 21 morti, tra cui due bambini. La mattina dell'8 marzo, l'amministrazione ucraina ha annunciato che era stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco con la Russia per un corridoio umanitario tra Sumy e Poltava, a 175 chilometri di distanza. Diverse dozzine di autobus vengono inviati da Lokhvytsia, nell'oblast di Poltava, per prendersi cura degli abitanti che desiderano fuggire dalla città. Alle 9:30 un primo convoglio lasciò Sumy a bordo degli autobus. Secondo il governatore dell'oblast di Sumy (Regno Unito), Dmytro Zhyvytsky, il convoglio sta portando circa 150 persone in direzione di Poltava. Il ministero della Difesa russo ha annunciato durante la giornata che 723 civili avevano lasciato Sumy, inclusi cittadini indiani, cinesi, giordani e tunisini. La sera dell'8 marzo, l'ultimo