Attacchi di Jaipur del 13 maggio 2008

Article

May 20, 2022

Gli attacchi di Jaipur sono stati costituiti dall'esplosione di sette bombe nella città turistica indiana di Jaipur, capitale del Rajasthan, il 13 maggio 2008 alle 19:30 ora locale. Un'ottava bomba, attaccata a una bicicletta, è stata disinnescata dai servizi di sicurezza. Le esplosioni sono durate 12 minuti; hanno preso di mira un grande bazar di gioielli, due templi indù, mercati e molti altri luoghi pubblici situati nella città vecchia. Le bombe sono state piazzate in un'auto, in un negozio o semplicemente attaccate a una bicicletta, nel raggio di circa un chilometro. Secondo la polizia e i funzionari dell'ospedale di Sawai Man, 63 persone sono state uccise e 216 ferite. I quartieri presi di mira sono: Badi Choupal, zona della stazione di polizia di Manas Chowk, Johari Bazar, Tripolia Bazar, Choti Choupal e zona di Kotwali.

Conseguenze immediate

Poche ore dopo le esplosioni, le città di New Delhi, Bombay e Chennai sono poste in massima allerta mentre viene imposto il coprifuoco notturno in una parte della storica città di Jaipur. Diverse unità della guardia di sicurezza nazionale e della forza di azione rapida vengono inviate a Jaipur, nonché un'unità della polizia di Delhi responsabile di stabilire possibili collegamenti con attacchi che in precedenza avevano preso di mira la città di Delhi.

Sondaggio

Il 13 maggio, quattro sospetti, tra cui uno dei feriti e un conducente di risciò, sono stati interrogati dalla polizia.

Responsabilità

Il 13 maggio, fonti del ministero dell'Interno indiano hanno affermato di sospettare che dietro gli attacchi ci fosse l'organizzazione terroristica islamista Harkat-ul-Jihad-al-Islami. Il viceministro dell'Interno Sriprakash Jaiswal aggiunge: "Non si può escludere il coinvolgimento di una potenza straniera", una perifrasi solitamente usata per designare il Pakistan. Secondo i primi rapporti della polizia, potrebbero essere coinvolti vari gruppi islamisti come Harkat-ul-Jihad-al-Islami, Students Islamic Movement of India e Lashkar-e-Toiba.

Riferimenti

Portale del terrorismo Portale dell'Islam Portale dell'India Portale degli anni 2000