Tedesco

Article

August 10, 2022

Il tedesco (autonimo: Deutsch, / dɔʏtʃ /) è una delle lingue indoeuropee appartenenti al ramo della famiglia linguistica germanica. A causa dei suoi numerosi dialetti, il tedesco è in una certa misura una lingua di tetto (Dachsprache). La sua storia, come lingua distinta dalle altre lingue germaniche occidentali, inizia nell'alto medioevo, durante il secondo cambio di consonante. Nel 21° secolo, i suoi parlanti, chiamati "tedeschi", sono principalmente distribuiti, con quasi 100 milioni di parlanti, in Europa, il che rende la loro lingua la più parlata nell'Unione Europea (UE).

Distribuzione geografica

In Europa : Il tedesco è la lingua ufficiale in Germania, Austria e Liechtenstein, una delle lingue ufficiali in Svizzera, Lussemburgo, Belgio e nella regione italiana dell'Alto Adige. È anche in maggioranza in Trentino Alto Adige; è parlato anche, senza però avere lo status di lingua ufficiale, in Danimarca, in Francia (Alsazia e Mosella germanofona), in Cechia (tedeschi in Cechia), in Slovacchia (tedeschi dei Carpazi), in Polonia, in Romania dove vi sono diverse popolazioni, Sassoni della Transilvania, Tedeschi della Bucovina e Tedeschi del Banato. In Africa: Namibia, Tanzania. In America : Nord America: si tratta spesso di dialetti del medio o basso tedesco, con caratteristiche arcaiche, come il cosiddetto dialetto “pennsylvaniano” parlato dalla comunità Amish. Il tedesco non è la lingua ufficiale di nessuno stato federato negli Stati Uniti nonostante un'affermazione ricorrente basata sulla confusione storica; Sud America (Paraguay, Cile, Argentina, Brasile, Venezuela).

Lingue derivate

Lo yiddish è una lingua derivata dal medio alto tedesco medievale, in cui sono state introdotte parole di origine slava o ebraica. Unserdeutsch e Küchendeutsch sono creolo e pidgin formati rispettivamente da un lessico tedesco. Tedesco svizzero: gli svizzeri parlano più dialetti germanici, a volte molto diversi tra loro. D'altra parte, i documenti ufficiali, la stampa, l'editoria e l'istruzione utilizzano principalmente il tedesco svizzero standard (come nel caso del francese e dell'italiano in questo paese).

Storia

Prima mutazione consonante

Con la prima mutazione consonantica (erste germanische Lautverschiebung) intorno al V secolo a.C. dC, il germanico comune nasce da un dialetto indoeuropeo. Questa trasformazione spiega le differenze tra le lingue germaniche (più l'armeno) e le altre lingue indoeuropee. Per semplicità, possiamo presentare i fatti come segue: k → h: horn in latino - Herz in tedesco, heart in inglese, hart in olandese; p → f: pater in latino - Vater in tedesco, padre in inglese, vader in olandese; t → th: tres in latino - drei in tedesco, tre in inglese, drie in olandese; d → t: decem in latino - zehn in tedesco, ten in inglese, tien in olandese; g → k: gula in latino - Kehle in tedesco, keel in olandese; bh → b: bhrātā in sanscrito (frater in latino) - Bruder in tedesco, fratello in inglese, broer in olandese; dh → d: adham in sanscrito - Tat in tedesco, deed in inglese, daad in olandese; gh → g: * ghostis in indoeuropeo (hostis in latino) - Gast in tedesco e olandese, guest in inglese.

Mutazione della seconda consonante

Si comincia a parlare di lingua tedesca (o, in linguistica "altotedesca") quando i dialetti parlati nella Germania sudoccidentale subirono la seconda mutazione consonante (zweite germanische Lautverschiebung o hochdeutsche Lautverschiebung, che si colloca intorno al VI secolo), periodo durante quale la lingua cominciò a differenziarsi dai dialetti del nord (Niederdeutsch, basso tedesco). Questo