AZERTÀ

Article

June 28, 2022

AZERTY è una disposizione specifica dei caratteri dell'alfabeto latino e di vari caratteri tipografici sui tasti delle macchine da scrivere e delle tastiere dei computer. Deriva, come la QWERTZ germanica, dal layout QWERTY inglese e ha proprie varianti nazionali in Francia e Belgio. Il suo nome deriva dalle prime sei lettere della prima fila di tasti alfabetici.

Storia

Le prime prove di disposizione delle tastiere furono fatte con le segretarie nel 1865. La disposizione QWERTY, brevettata nel 1878, fu studiata appositamente per evitare i rischi di inceppamento delle prime macchine da scrivere meccaniche prodotte in maniera massiccia dall'armaiolo Remington. Su queste prime macchine da scrivere, i gambi delle chiavi vicine si inceppavano spesso l'uno con l'altro. Il layout QWERTY è stato quindi progettato in modo che le lettere più frequentemente contigue nelle parole in lingua inglese corrispondano a "barre di caratteri" (martelli che colpiscono la carta) il più distanti possibile, il che limita il rischio di bloccare i caratteri gambi. I tasti corrispondenti sulla tastiera, direttamente collegati alle barre dei caratteri, si trovano remoti. La conseguenza è un'accelerazione della digitazione rispetto a una situazione in cui le barre si bloccano, e un rallentamento rispetto a un sistema che non avrebbe barre. Il layout AZERTY è apparso in Francia durante l'ultimo decennio del 19° secolo come una variazione di alcune macchine da scrivere QWERTY americane. La sua esatta origine sembra sconosciuta a "storici, pionieri e propagandisti" della macchina da scrivere. Dopo il 1907, il layout francese ZHJAY di Albert Navarre non trovò il suo pubblico: i segretari erano già abituati a QWERTY e AZERTY. Il layout AZERTY era stato a lungo uno standard de facto in Francia prima della descrizione dello standard AFNOR del 2019. Tuttavia, un layout QWERTY adattato al francese era stato proposto come standard sperimentale da AFNOR nel 1976 (NF XP E55-060). Questo standard prevedeva un periodo transitorio di adattamento durante il quale le lettere A, Q, Z, W potevano trovarsi come nel tradizionale layout AZERTY. Inoltre, non è stato previsto alcun adattamento per il tasto M, anche in via transitoria. Yves Neuville, nella sua relazione del 1985, si poneva invece l'obiettivo di preservare gli standard nazionali, creando zone di raggruppamento o blocchi logici: alfabetici, diacritici, accentati, punteggiatura, numerici, matematici, informatici. Dato il peso del passato, si tratta quindi di gestire le transizioni, creando coerenza per adottare una tastiera razionale. Dopo la comparsa dell'euro, il carattere € viene aggiunto ai layout QWERTY disponibili con la combinazione Alt Gr + E sulle tastiere dei computer Windows/Linux e ⌥ + $ sulle tastiere dei Mac.

Diversi layout QWERTY

La disposizione delle lettere latine del layout QWERTY su tastiere per PC a 105 tasti o tastiere Apple è la seguente: QWERTYUIOP QSDFGHJKLM WXCVBN Altri personaggi formano una sorta di "base comune" per tutto l'AZERTY moderno: cinque caratteri diacritici: é è a ù ç; caratteri tipografici: _ - ' . , ; :! ? @&§~^`¨°| ( ) { } [ ] / \ < > " #spazio; numeri o operatori matematici: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 ² * + % µ; unità monetarie: € $ ¤ £ I caratteri “^, ¨, ~ e `” rappresentano rispettivamente le chiavi morte accento circonflesso, umlaut, tilde e accento grave e danno accesso almeno a: â äÄ ãà àÀ êÊ ëË èÈ ìÌ îÎ ïÏ ñÑ ôÔ öÖ õÕ òÒ ùÙ ûÛ üÜ ÿ (tranne Ÿ su AZERTY francese). I bellissimi layout QWERTY