2018

Article

June 30, 2022

L'anno 2018 è un anno comune che inizia di lunedì. È il 2018° anno della nostra era, il 18° anno del 3° millennio e del 21° secolo e il 9° anno del decennio 2010-2019. Enunciato, 2018 è scritto "duemiladiciotto" o "duemiladiciotto".

Altri calendari

L'anno 2018 del calendario gregoriano corrisponde alle seguenti date: Calendario berbero (Amazigh): 2967/2968 (Il 1° yennayer 2968 si svolge il 12 gennaio 2018) Calendario cinese: 4715/4716 (il capodanno cinese 4716 nell'anno del cane di terra è il 16 febbraio 2018) Calendario ebraico: 5778/5779 (1° Tishri 5779 è il 10 settembre 2018) Calendario indù: 5119/5120 Calendario indiano: 1939/1940 (il 1° chaitra 1940 si svolge il 22 marzo 2018) Calendario giapponese: Heisei Era 30 (il calendario giapponese usa i giorni gregoriani) Calendario musulmano: 1439/1440 (il 1° Muharram 1440 si svolge il 12 settembre 2018) Calendario persiano: 1396/1397 (il 1° farvardin 1397 si svolge il 21 marzo 2018) Calendario repubblicano: 226/227 (1° Vendémiaire 227 si svolge il 23 settembre 2018) giorni giuliani: da 2.458.119,5 a 2.458.484,5,

Ambiente

Nel 2018 sono stati distrutti 12 milioni di ettari di foreste tropicali, le più ricche in termini di biodiversità, l'equivalente della superficie di un Paese come il Nicaragua. Particolarmente preoccupati il ​​Brasile, la Repubblica Democratica del Congo e l'Indonesia. Il 2018 è stato dichiarato il terzo anno internazionale per le barriere coralline dall'International Coral Reef Initiative (ICRI). Segna l'inizio del decennio internazionale di azione sul tema "Acqua e sviluppo sostenibile" (2018-2028) proclamato dalle Nazioni Unite. Segna anche l'inizio del Terzo decennio delle Nazioni Unite per l'eliminazione della povertà.

Climatologia

Il 2018 (anno della 24a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) è il 4° anno più caldo al mondo dall'inizio dei record (1850), è stato confermato come caratterizzato da una temperatura media di 1°C superiore rispetto al periodo preindustriale 1850 -1900. Gli anni 2014-2018 sono stati i cinque anni più caldi mai registrati, mentre dal 2005 sono stati registrati nove dei dieci anni più caldi in quasi 140 anni. Secondo il NOAA, lo scioglimento dei ghiacci artici e antartici nel 2018 è stato il secondo record "peggiore" dalla prima misurazione (1979). Si parla ora anche di ondate di calore oceanico e sulla terraferma il caldo estremo ha battuto nuovi record in Portogallo, Scandinavia, Corea del Sud, Giappone e Algeria, a volte accompagnato da giganteschi incendi; Anche la Grecia e la California hanno subito incendi mortali. Il ritiro dei ghiacci è stato segnato nell'Artico, con un livello storico in gennaio-febbraio. Per il 38° anno consecutivo i ghiacciai si sono ritirati. La CO2, il metano e il protossido di azoto, che avevano battuto i record per le concentrazioni nell'aria, sono aumentati ulteriormente. Il contenuto di CO2 dell'aria, che è di 405,5 parti per milione (ppm) nel 2017, non è mai stato così alto da 3 a 5 milioni di anni secondo l'OMM: la temperatura allora era di 2 o 3 °C più alta e il livello del mare 10 a 20 m più alto del livello attuale. E il livello di metano è superiore del 257% rispetto a prima della rivoluzione industriale. Il mare si alza di + 3,3 mm all'anno, a una velocità dal 25 al 30% più veloce dal 2004 al 2015 rispetto al periodo 1993-2004. Dopo l'Artico, l'Antartide potrebbe ora essere il motore principale perché il suo scioglimento aumenta annuo da 76 miliardi di t / anno a 219 miliardi. Dal 1 gennaio al 30 novembre sono stati contati 70 cicloni tropicali (per una media storica annua di 53) e il numero di siccità, incendi, alluvioni e uragani legati alla perturbazione ha un