1999

Article

August 15, 2022

Il 1999 è un anno comune che inizia di venerdì.

Cronologia territoriale

Mondo

28 gennaio: 29° Forum di Davos. 1 febbraio: entra in vigore il Global Maritime Distress and Safety System (GMDSS 1999). 18 giugno: riunione del G7 a Colonia, che decide di ridurre il debito dei paesi più poveri. 11 agosto: ultima eclissi totale del secolo (e del millennio). È visibile in Europa, Vicino Oriente, Medio Oriente, India, ecc. 6 ottobre: ​​apertura a Vienna di una conferenza sul disarmo, nell'ambito del CTBT. Su 44 Paesi designati, 24 l'hanno firmata e ratificata, 21 l'hanno firmata ma non ratificata (compresi Stati Uniti, Cina e Russia) e 3 non l'hanno né firmata né ratificata (India, Pakistan, Corea). 3 dicembre: a Seattle, fallimento della riunione ministeriale dei paesi membri dell'OMC. L'Europa rifiuta di abbandonare il sistema di sovvenzione all'esportazione dei suoi prodotti richiesto dagli americani, perché la fine di un tale sistema darebbe il primato totale alle multinazionali. 24 dicembre: Papa Giovanni Paolo II apre la Porta Santa nella Basilica di San Pietro a Roma e apre il Grande Giubileo dell'anno 2000.

Africa

15 aprile: Algeria: Abdelaziz Bouteflika vince le elezioni presidenziali (74%) dopo un ballottaggio contestato dagli altri candidati che si ritirano denunciando numerose irregolarità 29 maggio: in Nigeria si insedia il nuovo presidente Olusegun Obasanjo. 2 giugno: Nelson Mandela non compare, è il suo amico Thabo Mbeki dell'ANC che vince le elezioni presidenziali in Sudafrica. 7 luglio, Guerra civile in Sierra Leone: accordi di Lomé. 10 luglio, seconda guerra del Congo: accordo di cessate il fuoco di Lusaka, mai applicato. 23 luglio: morte di Hassan II, re del Marocco, dopo 38 anni di regno. 30 luglio: intronizzazione di Mohammed VI, re del Marocco. 16 settembre: Algeria: adozione tramite referendum della legge sulla "Concordia civile", che prevede un'amnistia parziale o totale per i crimini commessi da gruppi armati. 24 ottobre: ​​il presidente uscente Zine el-Abidine Ben Ali viene rieletto nelle prime elezioni presidenziali pluraliste della storia tunisina.

America

2 febbraio: Hugo Chávez diventa presidente del Venezuela. 22 marzo, Paraguay: assassinio del vicepresidente Luis María Argaña. 1 aprile: creazione in Canada del territorio del Nunavut dai Territori del Nord Ovest, un territorio immenso (2.000.000 km2) e molto scarsamente popolato (25.000 abitanti, in maggioranza Inuit). 20 aprile: riprese a Columbine in un ambiente scolastico. Questa uccisione provoca 15 morti e 24 feriti. Questo massacro riaccende il dibattito sul controllo delle armi negli Stati Uniti. 28 maggio: a Cuba, Fidel Castro nomina Felipe Pérez Roque Ministro degli Esteri. 4 e 5 luglio: il Derecho al confine tra Canada e Stati Uniti provoca danni per oltre 100 milioni di dollari e quattro morti. 22 dicembre: piogge torrenziali e valanghe di fango provocano tra le 15.000 e le 30.000 vittime in Venezuela e oltre 300.000 senzatetto. 30 dicembre: viene approvata con referendum la costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela. 31 dicembre: ritorno della zona del Canale di Panama da parte degli Stati Uniti a Panama.

Asia

18 gennaio: incontro a Ginevra delle due Coree, su iniziativa di Stati Uniti e Cina. 16 febbraio: Tashkent (Uzbekistan) è vittima di attacchi islamisti: sei esplosioni, di cui una davanti al Parlamento, che hanno preso di mira il presidente Islom Karimov. 6 marzo: Ta Mok, soprannominato "il Macellaio", l'ultimo capo militare dei Khmer Rossi ancora in fuga, viene arrestato dall'esercito cambogiano, vicino al confine con la Thailandia. 26 maggio: ripresa dei combattimenti in Kashmir, tra soldati pakistani infiltrati e indiani, la sconfitta pakistana si tradurrà in un colpo di Stato in Pakistan in ottobre. 7 giugno: p