1963

Article

June 28, 2022

Il 1963 è un anno comune che inizia di martedì.

In breve

22 gennaio: firma del Trattato dell'Eliseo da parte del generale de Gaulle e del cancelliere tedesco Adenauer. 26 giugno: discorso di John F. Kennedy a Berlino (Ich bin ein Berliner) 5 agosto: Trattato di Mosca tra URSS, Stati Uniti e Regno Unito, seguito da 99 potenze, che vieta tutti i test nucleari nell'atmosfera, nello spazio o sotto il mare ad eccezione dei test sotterranei. Entra in vigore il 10 ottobre. 30 agosto: installazione del "telefono rosso" tra la Casa Bianca e il Cremlino. 2 novembre: assassinio di Ngô Đình Diệm. 22 novembre: assassinio di John F. Kennedy. 10 dicembre: Premio Nobel per la Pace al Comitato Internazionale della Croce Rossa.

Eventi

Africa

11 gennaio Crisi congolese: Moïse Tshombe, trincerato a Kolwezi, si rifugia nella Rhodesia del Nord. 13 gennaio: colpo di stato militare in Togo guidato da Étienne Eyadéma Gnassingbé. Assassinio del presidente Sylvanus Olympio. Nicolas Grunitzky viene nominato presidente civile il 5 maggio. 14 gennaio: fine della secessione dello stato del Katanga. Moïse Tshombe, il suo presidente, tornato a Kolwezi, annuncia la sua capitolazione. Andò in esilio in Europa dal 14 giugno al 26 giugno 1964. un terzo dei membri dell'ufficio politico del Partito Democratico della Costa d'Avorio, accusati di cospirazione, vengono arrestati e incarcerati mentre si recano a una riunione a Yamoussoukro. Inizio del caso dei falsi complotti di Houphouët-Boigny, che epurò i suoi oppositori politici in Costa d'Avorio (1963-1964). 21 gennaio: Elisabethville viene conquistata dalle forze dell'ONU. Riunificazione del Congo-Kinshasa dopo tre anni di guerra civile e mediazioni diplomatiche. I leader separatisti del Katanga e del Kasai meridionale vengono reintegrati nella classe dirigente “nazionale”. 23 gennaio: attacco alla caserma Tite effettuato dal PAIGC. Inizio della rivolta in Guinea portoghese 15 febbraio: formazione del governo Houphouët-Boigny II in Costa d'Avorio. 16 febbraio: Trattato di Kayes. Accordi di confine tra Mauritania e Mali 7 marzo: una costituzione, approvata il 3 marzo con referendum, istituisce una repubblica in Senegal, presieduta da Léopold Sédar Senghor. 2 aprile: lancio di Luna 41: 4 maggio: un incidente innesca la rivolta dei tuareg dell'Adrar des Ifoghas in Mali contro il regime di Modibo Keita (terminata il 16 luglio 1964). Repressione brutale con l'aiuto di Algeria e Marocco, che provocò la morte di centinaia di tuareg dopo i bombardamenti dei loro campi. 17 maggio: vittoria della FDIC alle prime elezioni legislative marocchine. legge che istituzionalizza il MESAN come partito unico nella Repubblica Centrafricana. 22 - 25 maggio: Vertice di Addis Abeba, convocato sotto l'egida dell'imperatore Haile Selassie I; Trentuno paesi indipendenti firmano la carta di fondazione dell'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA). Proclama il principio dell'inviolabilità delle frontiere risultante dalla decolonizzazione, l'uguaglianza sovrana di tutti gli Stati membri, la composizione pacifica delle controversie e afferma una politica di non allineamento. Da allora, ogni 25 maggio si celebra la Giornata Mondiale dell'Africa 1 giugno: Jomo Kenyatta (KANU) diventa Primo Ministro del Kenya. 5 giugno: firma a Bamako di cinque accordi di riconciliazione tra Senegal e Mali; la riconciliazione è stata suggellata il 22 giugno dall'incontro a Kidira dei presidenti Léopold Sédar Senghor e Modibo Keïta. 7 giugno: inaugurazione a Touba, in Senegal, della più grande moschea dell'Africa subsahariana, costruita dalla confraternita dei Mourides, creata da Ahmadou Bamba. 28 giugno-3 luglio: crollo della conferenza dell'Africa centrale alle Cascate Vittoria. Negazione dell'indipendenza alla Rhodesia del Sud: rivolta