Lavoro postumo in diritto della proprietà intellettuale

Article

May 24, 2022

Un'opera postuma è un'opera svelata dopo la morte del suo autore.

Francia

L'articolo 23 della legge 11 marzo 1957 associava le opere postume con un diritto esclusivo di sfruttamento per un periodo di 50 anni, concesso agli eredi dell'autore durante i 50 anni successivi all'anno della morte, e al proprietario dell'opera oltre questo periodo. Nel 1985 la durata del diritto di sfruttamento di tali opere è stata estesa a 70 anni, siano esse composizioni musicali con o senza parole. Nel 1992, durante la codificazione costitutiva della parte legislativa del codice della proprietà intellettuale, questo articolo ha assunto la denominazione di “L. 123-4”. Nel 1997 la durata del diritto di sfruttamento è stata ridotta a 25 anni nel caso in cui la comunicazione avvenga dopo i 70 anni successivi all'anno della morte, in conseguenza del recepimento dell'articolo 4 della Direttiva Europea/93/98 /CEE del 29 ottobre 1993, relativa all'armonizzazione dei termini di protezione del diritto d'autore e di alcuni diritti connessi. Tuttavia, l'articolo 10 della stessa direttiva prevede che "quando una durata della protezione più lunga della corrispondente durata della protezione prevista dalla presente direttiva ha già iniziato a decorrere in uno Stato membro alla data di cui all'articolo 13, paragrafo 1, la presente direttiva non ha l'effetto di accorciarlo in quello Stato membro”. Il titolare di una copia dell'opera postuma, a differenza del titolare dell'originale dell'opera, non ha tale diritto, quando la copia è stata trasmessa "senza l'intenzione di trasmettere il diritto di sfruttamento virtualmente connesso alla proprietà dei supporti materiali originari”.

Note e riferimenti

Portale di diritto