Unione di Varsavia

Article

May 21, 2022

Il Patto di Varsavia, ufficialmente noto come Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza (anche Patto di Varsavia), era un'alleanza militare formata dai paesi del blocco orientale il 14 maggio 1955 a Varsavia nella Repubblica popolare polacca per contrastare la minaccia rappresentata da una Repubblica federale nominalmente riarmata. La scelta della data di costituzione è stata influenzata dall'adesione della Repubblica Federale di Germania alla NATO il 5 dello stesso mese. Con il crollo dei regimi comunisti nell'Europa orientale nel 1989, l'importanza dell'alleanza militare è diminuita fino a quando, il 1 luglio 1991, l'organizzazione è stata ufficialmente sciolta a Praga. Stati membri Il Trattato di adesione è stato firmato da Albania, Bulgaria, Repubblica Democratica Tedesca, Unione Sovietica, Polonia, Romania, Cecoslovacchia e Ungheria. All'accordo hanno quindi aderito tutti i paesi socialisti d'Europa, ad eccezione della Jugoslavia. L'occupazione della Cecoslovacchia nel 1968 costrinse l'Albania a ritirarsi definitivamente dal Patto di Varsavia, sebbene il paese si fosse praticamente ritirato nel 1961 a causa di divergenze ideologiche.Gli stessi paesi erano anche membri dell'Unione economica, la SEV. Alcuni paesi non europei (Mongolia, Cuba e Vietnam) hanno successivamente aderito alla SEV, ma non al Patto di Varsavia.

Principio di funzionamento

I membri dell'alleanza militare si sono impegnati a difendersi a vicenda, se necessario, in caso di attacco da parte di uno o più Stati membri. Il Patto di Varsavia era in gran parte gestito da Mosca e le forze armate erano basate sulle forze sovietiche di stanza in Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia e Repubblica Democratica Tedesca. Queste forze erano state sulle terre come forze di occupazione dalla fine della seconda guerra mondiale. L'Unione Sovietica si occupò anche di equipaggiare gli eserciti degli Stati membri. Le truppe si sono ritirate dalla Romania nel 1958 perché la Romania ha negato la loro presenza. Non c'erano truppe straniere significative in Albania o Bulgaria. L'organo più alto dell'organizzazione sindacale era il Comitato consultivo politico, in cui era rappresentato il governo di ogni stato membro. In pratica, questo corpo era solo una formalità. Le vere decisioni sono state prese tra i leader dei partiti comunisti negli Stati membri. Inoltre, le sedi pratiche erano lo Stato Maggiore Generale e il Segretariato Permanente, che lavoravano insieme al Segretariato SEV. Il comandante del Patto di Varsavia è sempre stato un maresciallo nominato dall'Unione Sovietica, che era anche viceministro della difesa del suo paese. Le operazioni erano guidate da un capo di stato maggiore nominato dall'Unione Sovietica. L'organizzazione del Patto di Varsavia includeva anche l'aviazione tattica dell'aviazione sovietica, che era concentrata a ovest.

Azione

Nel 1956, l'Ungheria tentò di ritirarsi dal patto durante la rivolta ungherese, ma le forze sovietiche occuparono il paese, sconfissero la rivolta e costrinsero l'Ungheria a rimanere un membro dell'alleanza militare. Di conseguenza, il Patto di Varsavia è stato confermato dal fatto che ogni stato membro ha concluso un accordo bilaterale con l'Unione Sovietica, che ha dato all'Unione Sovietica il diritto di mantenere le sue truppe permanentemente negli Stati membri. Nel 1968, le forze del Patto di Varsavia soppressero il processo di democratizzazione in Cecoslovacchia (Primavera di Praga) inviando forze di occupazione.

La NATO e il Patto di Varsavia

Dal punto di vista della NATO, il Patto di Varsavia e l'Unione Sovietica erano particolarmente minacciati dal fatto che, grazie alle loro forze di terra superiori, il Patto di Varsavia sarebbe stato in grado di spostarsi abbastanza rapidamente nei paesi del Benelux nel suo attacco. Se il Patto di Varsavia avesse occupato Berlino e la Repubblica Federale di Germania, avrebbe potuto facilmente continuare ad avanzare fino alla Francia. Tuttavia, i documenti trovati e pubblicati in Polonia suggeriscono che il Patto di Varsavia non cercasse di conquistare la Francia, ma che se avesse conquistato completamente la Germania e occupato i paesi del Benelux mentre avanzava lungo la Manica, sarebbe probabile