Il dibattito sulla NATO in Finlandia

Article

May 21, 2022

Il dibattito sulla NATO in Finlandia è un dibattito pubblico in corso dagli anni '90 sulle relazioni della Finlandia con la NATO. Il dibattito è solitamente riassunto come una questione se la Finlandia debba o meno aderire alla NATO. La Finlandia ha coordinato il proprio equipaggiamento con la NATO ed è un partner della NATO per la pace, ma non ha ancora presentato domanda di adesione. La Finlandia farà domanda di adesione a maggio 2022. 12 maggio 2022 Il Presidente della Repubblica di Finlandia Sauli Niinistö e il Primo Ministro Sanna Marin esprimono il loro sostegno all'adesione della Finlandia alla NATO. Il Parlamento si prepara a tenere lo stesso giorno un referendum sull'adesione alla NATO. Il 18 maggio, la Finlandia ha presentato a Bruxelles la sua domanda di adesione alla NATO. Storia della politica estera finlandese

Il secondo dopoguerra e la guerra fredda

La Finlandia dovette interrompere le sue relazioni con la Germania alla fine della seconda guerra mondiale. Dopo la fine della guerra, l'obiettivo della politica estera era creare relazioni sufficientemente buone con l'Unione Sovietica in modo che la Finlandia non entrasse in guerra con il suo vicino orientale. Il governo finlandese ha rifiutato di fornire assistenza Marshall agli Stati Uniti, che hanno stretto le relazioni tra l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti, adducendo le sue precarie relazioni internazionali. Poco dopo, è stato concluso un accordo YYA tra la Finlandia e l'Unione Sovietica, che ha avvicinato politicamente gli stati. Le relazioni con l'Est sono state abbastanza stabili, fatta eccezione per alcuni raffreddamenti a breve termine. In politica estera è stata seguita la cosiddetta linea Paasikivi-Kekkonen. La politica estera della Guerra Fredda è stata segnata dalla cosiddetta "finnishizzazione", in cui la politica estera della Finlandia si è svolta in gran parte nei termini della politica delle grandi potenze dell'Unione Sovietica. Ciò significava, ad esempio, che la Finlandia poteva aumentare la propria attività di politica estera solo in aree in cui non esistevano conflitti di interesse tra le due grandi potenze. Tuttavia, nel quadro del suo margine di manovra in politica estera, la Finlandia è stata in grado di integrarsi nei mercati occidentali aderendo a diverse organizzazioni economiche internazionali.

Esercito segreto della NATO

Nel documentario di YLE, gli agenti finlandesi della Guerra Fredda hanno confermato le informazioni precedentemente rivelate sul funzionamento della rete di resistenza Gladio operante nell'Europa occidentale anche in Finlandia. Circoli politici militari influenti spiano Urho Kekko e l'Unione Sovietica, tra le altre cose, per conto della CIA e della NATO. Sullo sfondo c'era anche l'MI6.Gladion, incaricato di spionaggio per gli inglesi all'estero, con l'intento di far apparire violenta la sinistra. La cosiddetta organizzazione stay behind è stata istituita dopo la seconda guerra mondiale. Dal punto di vista delle potenze occidentali, l'Unione Sovietica rappresentava la più grande minaccia per la Finlandia da parte dei paesi europei, e volevano prepararsi all'invasione sovietica e proteggere l'Europa da un ulteriore comunismo.La rete di resistenza guidata dalla NATO estendeva le sue attività anche alla Finlandia. La NATO ha guidato e coordinato le attività dei paesi Gladio e gli ufficiali finlandesi hanno visitato segretamente il quartier generale della NATO a Bruxelles. Secondo l'autore e giornalista Jukka Rislak, la rete finlandese sponsorizzata dall'Occidente disponeva di radio, esplosivi e armi. L'operazione continuò fino al 1980. Nel 1991, la stampa svedese rivelò che la sede dell'imparziale finlandese Stay Behind era a Stoccolma. All'epoca, il ministro della Difesa Elisabeth Rehn definì le rivelazioni una "favola" e la descrisse come "una storia incredibile di cui non sapeva nulla". Il generale Raimo Heiskanen, che era il capo dell'intelligence dell'esercito finlandese, disse anche a YLE che l'esercito finlandese l'intelligence non aveva informazioni sulla resistenza.

L'indebolimento e il crollo dell'Unione Sovietica

L'indebolimento dell'Unione Sovietica durante il periodo di Mikhail Gorbaciov ha ampliato il margine di manovra della Finlandia in politica estera. Gorbaciov ha assicurato, ad esempio, che la Finlandia potrebbe decidere indipendentemente sul suo atteggiamento nei confronti della Comunità Europea (CE). La politica estera è stata significativa