Silfio

Article

August 13, 2022

Silphium (lat.), silfion (m.Greek. σίλφιον), laser o radice laser era una spezia usata dagli antichi greci. Il silfio era la radice di una pianta che veniva usata con le verdure, ma con essa si condiva soprattutto la carne, ed era usata anche per condire il vino.Il silfio fu portato in Grecia nel 638 aC. dal Nord Africa. La spezia fu coltivata dai Cirenei, che la portarono ai Greci e poi ai Romani. I romani apprezzavano anche il silfio. Era una delle spezie più costose del suo tempo, che non veniva coltivata altrove, ma poi per qualche motivo si interruppe l'importazione di silfio.Non si hanno informazioni certe sul perché la spezia non fosse più importata a Roma e perché la produzione della spezia fermato. Si sospetta che il motivo possa essere stato un qualche tipo di divergenza politica. Poiché l'esportazione della spezia fu soppressa, i produttori di spezie apparentemente distrussero le loro piantagioni di spezie e l'intera pianta scomparve intorno alla metà del I secolo. È stato ipotizzato che la pianta potesse essere un ibrido di due piante diverse che si riproducono solo asessualmente e si estinguevano.Oltre al gusto, serviva il silfio perché avrebbe dovuto avere un effetto contraccettivo, ed è diventato una metafora dell'amore. Il seme di silfio è a forma di cuore. La pianta era raffigurata su monete locali, poi i romani tentarono di ritrovarla ma senza successo. Si narra che durante la ricerca fu trovata una pianta, che fu inviata all'imperatore Nerone. Quindi, secondo la storia, fu l'ultimo ad aver assaggiato il silfio. Dopo numerose ricerche, i romani trovarono una spezia con la quale avrebbero inevitabilmente potuto sostituire il silfio. La spezia è una resina che si dice abbia un aroma molto aglio/cipolla.

Fonti

In tema altrove

Immagini o altri file su Silphium su Wikimedia Commons