Razzo

Article

August 10, 2022

Un razzo è un dispositivo che si sposta per mezzo di un getto di gas che si scarica. Il razzo può anche muoversi nel vuoto, perché il movimento del razzo si basa su un principio di reazione simile al rinculo di un'arma da fuoco. Il motore a razzo è un tipico motore a reazione. I razzi sono usati in fuochi d'artificio, veicoli spaziali e missili, tra gli altri. Un razzo utilizzato per lanciare un carico utile è chiamato veicolo di lancio. Il lancio del razzo produce un forte rumore. Il lancio del razzo Saturn V ha prodotto una pressione sonora di 220 decibel. L'acqua è stata pompata sotto il razzo per assorbire le onde sonore, altrimenti il ​​riflesso delle onde sonore avrebbe danneggiato il razzo.

Principio di funzionamento del razzo

Il motore a razzo si basa sulla terza legge di Newton, secondo la quale la forza provoca la stessa controforza. Questa è chiamata legge di forza e controforza o azione e reazione. Nella vita di tutti i giorni, questa legge si riflette, tra l'altro, in un pallone completamente gonfiato che viene rilasciato. La palla si mette in moto mentre il gas fuoriesce dalla sua bocca. Un tipico fenomeno di reazione di tipo razzo puro è un rinculo generato quando un'arma da fuoco spara. L'arma colpisce notevolmente, anche se la massa del proiettile in uscita è piuttosto piccola. In breve, un razzo può essere pensato come un'arma che spara particelle di gas come un fuoco seriale.

Motore a razzo

Un motore a razzo è solitamente un motore a reazione chimica in cui la combustione di un propellente solido o liquido in una camera di combustione converte l'energia chimica del propellente in pressione ed energia termica. Il gas di combustione caldo viene accelerato ad alta velocità nell'ugello del razzo. Il motore a razzo trasporta sia carburante che ossidante ed è quindi completamente autosufficiente rispetto, ad esempio, a un motore a reazione che ha bisogno di ossigeno senza aria per funzionare.

Applicazioni di razzi

Un razzo può essere un mezzo di trasporto, un missile, un aeroplano o un'astronave. I razzi sono utilizzati principalmente per la ricerca, l'hobby, l'uso ricreativo e militare. I razzi non guidati vengono solitamente utilizzati nella ricerca e nell'hobby, che di solito sono alimentati da un motore a propellente solido o talvolta da un motore ibrido. I modelli per hobby includono razzi in scala con un motore simile a quello dei fuochi d'artificio. I razzi nella ricerca utilizzano carichi utili che possono essere utilizzati per studiare il volo di un razzo o per eseguire test di microgravità, ad esempio. Per uso ricreativo, c'è un razzo per fuochi d'artificio, che è simile a un razzo a polvere da sparo usato in Cina 2.200 anni fa. È incontrollato dopo lo sparo ed esplode quando il motore viene spento, un ventaglio di granuli fiammeggianti che forma un disegno nel cielo. Nell'uso militare, i razzi sono chiamati missili quando hanno un sistema di guida orbitale o razzi quando il razzo vola senza guida dopo il lancio (ad esempio, un organo Stalin e un singolo proiettile). Ci sono molti razzi consecutivi in ​​un razzo multifase. Il primo stadio dà impulso al successivo, con conseguente maggiore velocità e tempo di combustione più lungo. I lanciatori utilizzano motori a spinta particolarmente elevata nel primo stadio per uscire rapidamente dagli strati inferiori dell'atmosfera, dove la resistenza dell'aria rallenta il volo del razzo. Il termine razzo viene utilizzato anche per i motori a razzo, che si trovano principalmente nei satelliti e nei veicoli spaziali e sono anche chiamati propulsione o sistemi di propulsione. Questi includono sistemi di propulsione chimica, elettrica (propulsione ionica) e nucleare.

Razzo spaziale

Nella tecnologia spaziale, i razzi vengono utilizzati, tra le altre cose, per lanciare nello spazio satelliti e veicoli spaziali. Questi sono lanciatori o navette spaziali. Finora, questi sono razzi multifase, ad eccezione delle navette della Nasa, usa e getta. Un motore di correzione orbitale viene utilizzato per trasportare la sonda spaziale in un'orbita più alta. Uno più piccolo viene utilizzato per regolare la posizione della navicella spaziale e della navetta