Il governo di Marino

Article

May 19, 2022

Il governo Marin è il 76° governo della Repubblica di Finlandia, entrato in carica il 10 dicembre 2019. È composto dai socialdemocratici, dal Partito di centro, dai Verdi, dall'Alleanza di sinistra e dal Partito popolare svedese. Il Primo Ministro del Governo è Sanna Marin, Presidente dei Socialdemocratici, che è stata Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni del precedente Governo Slope. Quando è entrata in carica all'età di 34 anni, non era solo il primo ministro finlandese più giovane in assoluto, ma anche il primo ministro in carica più giovane del mondo e la terza donna a ricoprire la carica di primo ministro finlandese. L'elezione di Marin a primo ministro ha attirato l'attenzione diffusa non solo in Finlandia ma anche nei media stranieri.

Ministri

In grassetto i ministri incaricati del loro ministero. Commenti

Elezione del Primo Ministro

Il governo Marin si è formato dopo le dimissioni del precedente Primo Ministro Antti Rinte il 3 dicembre 2019. Dopo le dimissioni del suo governo, il 9 dicembre 2019 il Primo Ministro è stato eletto dal Consiglio del Partito socialdemocratico. Secondo Juha Akkanen, redattore capo di Helsingin Sanomat, Marin era un candidato per Antti Rinte, che ha guidato il partito dal 2014, e Eero Heinäluoma, che ha presieduto Lindtman nel 2005-2008. A causa di questa linea di demarcazione, il consiglio di destra di Jutta Urpilainen, che ha presieduto l'SDP nel 2008-2014, si è praticamente alleato con i sostenitori dello Slope, votando come Presidente del Consiglio di Sanna Marini. Secondo Marko Junkkari, analista politico di Helsingin Sanomat, questa scelta è stata decisa dalla vecchia linea di demarcazione tra Heinäluoma ei sostenitori di Urpilainen; per gli urpilani l'alternativa al pagliaio Lindtman sarebbe stata peggiore della pista Marin. Antti Rinne, che ha rassegnato le dimissioni da primo ministro, ha continuato a essere presidente del partito fino alla riunione del partito socialdemocratico nell'estate 2020. Il parlamento ha votato il nuovo primo ministro nella sessione plenaria del giorno successivo, martedì 10 dicembre 2019, quando Marin era eletto primo ministro della Finlandia con 99-70 voti.

Cambio del Ministro delle Finanze

Nel giugno 2020, Suomen Kuvalehti ha riferito che il ministro delle Finanze, Katri Kulmuni, aveva pagato i servizi di formazione alla comunicazione con denaro statale. In qualità di presidente del centro, Kulmuni aveva ricevuto una formazione in comunicazione non solo per le funzioni del ministro dell'Economia e delle Finanze, ma anche per il ruolo di leader del partito - aveva partecipato alla formazione il 3 dicembre 2019, giorno di Antti Rinne , che era stato presidente del Consiglio di Sanna Marini, si è dimesso. Il 5 giugno Katri Kulmuni ha annunciato le sue dimissioni da ministro delle Finanze. Kulmuni ha annunciato che avrebbe restituito allo stato quasi 50.000 euro in bollette di formazione alla comunicazione. Le tre istituzioni centrali - governo del partito, gruppo parlamentare e gruppo di eurodeputati - si sono incontrate lunedì 8 giugno per decidere un nuovo ministro delle finanze. Matti Vanhanen è stato eletto all'unanimità. Vanhanen è stato nominato ministro delle finanze della Finlandia e il suo mandato è iniziato il giorno successivo, 9 giugno 2020. Il 22 maggio 2021, Vanhanen ha annunciato che avrebbe consegnato il portafoglio del ministro delle finanze ad Annika Saariko, succeduta a Kulmunia come partito presidente. La nomina di Saarikko è stata confermata il 27 maggio 2021. Allo stesso tempo, Antti Kurvinen è diventato ministro della Scienza e della Cultura.

Programma del governo

Il governo di Marin ha adottato il programma del precedente governo, intitolato "Finlandia partecipativa e competitiva: una società socialmente, economicamente ed ecologicamente sostenibile". Tasso di occupazione