Maire Gullichsen

Article

June 29, 2022

Maire Eva Johanna Gullichsen (os. Ahlström, poi Gullichsen-Nyströmer; Pori Rural Council, 24 giugno 1907 – Pori, 9 luglio 1990) è stata una mecenate d'arte finlandese che ha lavorato come finanziatrice, inventrice e realizzatrice pratica di molti progetti nelle arti visive finlandesi , industria artistica e architettura. Nacque e morì in una villa chiamata Honkala della famiglia Ahlström, una delle famiglie industriali più ricche della Finlandia, situata nell'area della villa Pihlava a Pori.

Vita

Maire Gullichsen abbandonò la scuola superiore in seconda media e poi studiò arte a Parigi con Santeri Salokivi nel 1925, nel salotto dell'Università di Helsinki, la scuola di disegno della Finnish Art Association e studente privato di Werner Åström nel 1926-1927. Aalto, Artek mirava a combinare arte, tecnologia e scienza. Di conseguenza, si sono tenute mostre d'arte anche presso la sede di Artek, che in seguito si è trasferita alla Galerie Artek dal 1949, che è stata fusa con la Galerie Anhava nel 1997. Nello stesso anno, la Free Art School, fondata da Maire Gullichsen e frequentata, ha aperto con Artek. La collaborazione di Maire e Harry Gullichsen con Aino e Alvar Aalto ha prodotto alcuni dei più noti esempi di architettura e industria artistica finlandese moderna. Questi includono la casa e residenza di rappresentanza di Gullichsen Villa Mairea nella zona di Ruukki di Noormarkku, gli edifici industriali e residenziali di Ahlström Oy a Euran Kauttua e Sunila a Kotka, oltre a numerosi oggetti in vetro ancora oggi in produzione, come il vaso Savoia. Gullichsen è stato l'inventore della Contemporary Art Association, fondata nel 1939, e stava anche organizzando diverse mostre di arte contemporanea a Helsinki. La svolta dell'arte astratta e soprattutto costruttivista in Finlandia è stata influenzata in modo decisivo dalla mostra Klar Form tenutasi nel 1952 e dalle mostre della Galerie Artek, attiva dal 1950. Dagli anni '60 in poi, Gullichsen perseguì attivamente l'obiettivo di istituire un museo d'arte moderna nella sua città natale di Pori. Ha finalmente iniziato ad operare nel 1979. In connessione con la sua istituzione, il Pori Art Museum ha acquisito la collezione di arte finlandese della Maire Gullichsen Art Foundation. Gullichsen è stato insignito del titolo di Professore nel 1980. Morì nel 1990 nella sua città natale all'età di 83 anni, mentre scriveva le sue memorie. Il lavoro è stato successivamente pubblicato da sua figlia con il nome di Rainbow Colors, Dark Shades. Famiglia e vita privata Gullichsen era la figlia di Walter Ahlström, figlio di Antti Ahlström, il fondatore delle società Ahlström. Nel 1928 sposò Harry Gullichsen (1902–1954), un ingegnere di origine norvegese, che era stato l'amministratore delegato della A. Ahlström Corporation dal 1932. Nel 1969, Gullichsen sposò Bertil C. Nyströmer (1904–1995), uno svedese.

Vedi anche

Gullichsen

Fonti

Letteratura

Gullichsen, Maire: Rainbow Colors, Dark Shades: Memorie dal 1907 al 1928. (Regnbågsfärger, mörka stänk, 2008.) Tradotto da Raija Rintamäki. A cura di Lilli Alanen e Cita Reuter. Helsinki: Tammi, 2010. ISBN 978-951-31-5730-2.

Riferimenti

Letteratura

Woirhaye, Helena: Maire Gullichsen: The Running Girl of Art. Helsinki: Museo delle arti applicate, 2002. ISBN 952-9878-26-5. Nummelin, Esko & Siltavuori, Emilia: Maire Gullichsen. Pori: Pori Art Museum, 2000. ISBN 951-9355-65-0. Altrove su questo argomento Pori Art Museum: Maire Gullichsen - un influencer nel mondo dell'arte Peltonen, Jarno: Gullichsen, Mai