Pandemia di coronavirus 2019–

Article

May 21, 2022

La Pandemia di Coronavirus 2019- o Pandemia di COVID-19 è una pandemia iniziata nel dicembre 2019 nella città cinese di Wuhan. È causato da un nuovo coronavirus, SARS-CoV-2, che causa una malattia chiamata COVID-19. Il COVID-19 è stato definito come una malattia trasmissibile in Finlandia.L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l'epidemia una pandemia l'11 marzo 2020. Si ritiene che il virus si diffonda alla maggior parte della popolazione mondiale.17. entro agosto 2021, l'infezione era stata confermata in oltre 208 milioni di persone. Più di 4,3 milioni di persone erano morte a causa della malattia causata dal virus. Si stima che 187 milioni di persone si siano riprese dalla malattia.I paesi occidentali erano mal preparati per una pandemia. Molti paesi dell'Asia orientale hanno risposto alla pandemia abbastanza rapidamente perché avevano esperienza con le epidemie di SARS e MERS. Gli sforzi di diversi paesi occidentali per rallentare la diffusione della malattia furono inizialmente lunghi e traballanti. La pandemia si è riflessa nell'assistenza sanitaria in molti paesi in un gran numero di pazienti e nella mancanza di dispositivi di protezione e ventilatori, che ha aumentato la mortalità. L'assistenza sanitaria in molti paesi è stata sovraccarica: a marzo, a causa della pandemia di coronavirus, diversi paesi hanno adottato misure di contenimento volte a rallentare la progressione della malattia. Scuole, competizioni sportive, ristoranti e raduni sono stati chiusi e sono stati imposti divieti di viaggio all'interno e all'interno dei paesi e le persone sono diventate disoccupate. In molti luoghi, le persone hanno evitato il traffico stradale non necessario nelle città. Alcuni stanno cercando di spostare la pandemia per fuggire in campagna o altrove in isolamento. Non si è tenuto conto del rischio di diffusione della malattia. A marzo, a causa delle misure di contenimento, le economie delle società si sono fortemente contratte, portando all'opposizione agli embarghi in alcuni paesi. Si riteneva che l'apertura delle chiusure avrebbe portato a un'esacerbazione delle epidemie.In aprile-maggio 2020, l'epidemia sembrava svanire in molti luoghi. La situazione era ancora pessima in molti paesi. Sono state previste nuove ondate di malattie. Negli Stati Uniti, ad esempio, la malattia ha ripreso a diffondersi con più forza, con nuovi cluster di infezione in molti Paesi.A settembre-ottobre l'epidemia è peggiorata in molti Paesi europei. Ha portato a molte restrizioni locali. Questi sono stati protestati in alcuni paesi da disordini e manifestazioni e durante la pandemia è stato valutato anche il deterioramento del virus o della malattia da esso causata. All'inizio di giugno 2020, due medici italiani hanno stimato che il virus aveva perso la sua potenza ed era diventato meno intenso negli ultimi mesi. Coronavirus SARS-CoV-2 è anche conosciuto con i precedenti nomi 2019-nCo virus (abbreviazione 2019-nCoV, eng. 2019-novel Coronavirus, 2019 new coronavirus). SARS-CoV-2 è il settimo coronavirus infettivo umano conosciuto. Altri sono stati SARS-CoV che causano SARS e MERS-CoV che causano MERS, nonché HCoV-OC43, HCoV-229E, HCoV-NL63 e HCoV-HKU1.

Mortalità

Non esiste una cura per la malattia. Secondo i casi testati in Cina, circa l'80% dei casi è lieve. Il COVID-19 sviluppa gravi sintomi polmonari in circa il 14% dei casi e una condizione critica in circa il 5%. D'altra parte, in Italia, ad esempio, il 16% dei pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale ha richiesto cure intensive. La malattia è più pericolosa per gli anziani e per le persone a lungo termine, ma può causare sintomi gravi o morte anche nei giovani adulti. Il tasso di mortalità dei soggetti testati in Italia era intorno al 9% a fine marzo, ma è salito al 12% con il progredire del decorso della malattia (5 aprile 2020), mentre la percentuale della popolazione testata è rimasta ancora limitata. Queste letture si basano su dati grezzi che includono solo casi testati. L'OMS stima il 19 marzo che il tasso di mortalità per coronavirus sia compreso tra lo 0,3% e l'1,0% circa