Agenzia spaziale giapponese

Article

June 28, 2022

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) è stata costituita il 1 ottobre 2003, quando sono state fondate le tre agenzie spaziali giapponesi, ISAS, NASDA e NAL, sono state unite. L'ISAS, l'Istituto di Scienze Spaziali e Astronautiche, ha costruito sonde spaziali. SE ha sviluppato il veicolo di lancio Mu, la cui ultima versione è l'MV. NAL, il National Aerospace Laboratory of Japan, si è concentrato sulla ricerca aeronautica. NASDA, la National Space Development Agency del Giappone, ha realizzato grandi veicoli di lancio (incluso l'H-II) e il contributo del Giappone alla stazione spaziale ISS. Nel settembre 2010, l'amministrazione spaziale giapponese ha espresso interesse ad aumentare gli investimenti del settore privato, mentre è stato sottolineato che erano stati fatti tentativi per raccogliere fondi aziendali per finanziare il QZSS nel 21 ° secolo, e ciò era fallito. Il budget spaziale della JAXA per il 2010 è di 4 miliardi di dollari, 2/3 dei quali proverranno dal Dipartimento di Scienza e Tecnologia e il resto da altri otto ministeri. Sono stati compiuti sforzi per ridurre questo finanziamento e la controversia amministrativa dietro di esso creando un centro strategico per la politica spaziale in Giappone, guidato da Hiroshi Yamakawa. JAXA ha intensificato i suoi sforzi: prevede di lanciare il Tanegashima Space Center per il lancio tutto l'anno e sviluppare un piccolo lanciatore Epsilon.

Centri JAXA

Le unità principali di JAXA sono: Sede centrale - Città di Chofu, Tokyo Noshiro Testing Cente - un centro di test fondato nel 1962 che si concentra sui motori a razzo. Sanriku Balloon Center (SBC) - un luogo per il lancio di palline sonar, aperto nel 1971. Kakuda Space Propulsion Center (KSPC) - Centro di sviluppo per motori a razzo, che utilizza principalmente propellenti liquidi. Sagamihara Campus - Centro di sviluppo missilistico e satellitare. Tsukuba Space Center (TKSC) - Centro di controllo satellitare giapponese. Costruisci satelliti e razzi, traccia e controlla i satelliti. Il Centro ha guidato lo sviluppo del modulo sperimentale giapponese (JEM, o "Kibō") per la stazione spaziale ISS. Centro di addestramento per astronauti.

Satelliti JAXA

ISAS ha sviluppato numerosi piccoli satelliti scientifici. I satelliti NASDA sono stati satelliti per il telerilevamento e le comunicazioni. I satelliti JAXA includono Earth Resources Satellite (ERS-1, anche acronimo di ESA Radar Satellite) Alla fine del 2010, l'Akatsuki, o Planet C Venus Climate Orbiter, non è riuscito a raggiungere l'orbita di Venere perché il motore principale non funzionava come previsto. Questa è la continuazione di numerosi fallimenti nel funzionamento di lanciatori o veicoli spaziali giapponesi nel 21° secolo. A volte, si pensa che questi fallimenti siano causati dal presunto piccolo budget di JAXA, ma anche la frammentazione dell'amministrazione spaziale giapponese (ci sono tre organizzazioni dietro il nome comune) può avere un impatto. È probabile che la consapevolezza della qualità dell'industria giapponese, apprezzata a livello mondiale, sia di alto livello anche nell'industria spaziale.

Razzi JAXA

Dall'inizio degli anni '50, l'ISAS sviluppò piccoli razzi sonar e successivamente ad es. Veicolo di lancio N-1. NASDA ha sviluppato lanciatori H-I e H-II dagli anni '70.

Progetto navetta JAXA

Negli anni '90, la NASDA ha sviluppato uno space shuttle giapponese chiamato HOPE. Non è stato completato.

JAXA astronauti

Nel 1999, tre giapponesi sono stati selezionati per l'addestramento degli astronauti. Nel febbraio 2009 sono stati selezionati altri due astronauti. Tuttavia, il primo giapponese nello spazio è stato il giornalista televisivo Toyohiro Akiyama. Il Giappone si sta attivando verso l'esterno? Il programma spaziale giapponese era originariamente collegato agli Stati Uniti e, dagli anni '90, all'ESA. I lanciatori giapponesi non sono entrati nel mercato internazionale. Ha relativamente pochi voli spaziali con una minore partecipazione in Occidente. Il Giappone è stato coinvolto nelle reti spaziali dell'Asia orientale