Anneli Sauli

Article

August 17, 2022

Anneli Helena Sauli (dal 1965 vero nome Pakkasvirta, nata Savolainen, dal 1956 al 1965 Lindman, in Germania con il nome d'arte Ann Savo; Pyhäjoki, 6 agosto 1932 – Helsinki, 15 marzo 2022) è stata un'attrice finlandese.

Carriera

Avendo lavorato come attore cinematografico, il primo ruolo di Sauli è stato quello di una giovane ragazza nel film Me tulemme di nuovo nel 1953, e nello stesso anno ha fatto la sua svolta come una grande star nel ruolo del protagonista del film Hilja – maitotyttö. A quel tempo, Anneli Savolainen iniziò a usare il nome d'arte Anneli Sauli. La carica erotica del film ha causato paragoni con Harriet Andersson e Brigitte Bardot in Finlandia.Nei film che seguirono Hilja, come Risti ja liekki (1957), Miriam (1957) e La ragazza nella foresta innevata, Sauli considera che le donne ha interpretato spesso il bersaglio del potere maschile.Quando il cinema finlandese è svanito negli anni '60, Sauli ha iniziato a lavorare in Germania. Sauli ha recitato in circa 40 film, dieci dei quali ha girato in Germania con il nome di Ann Savo. Ha avuto più di dieci protagoniste femminili in Finlandia. Sauli è anche ricordato per i suoi ruoli nelle serie televisive Hovimäki e Käenpesä. Anneli Sauli ha lavorato come attrice al Joensuu City Theatre dal 1971 al 1996. Sauli è stato portato a Joensuu dall'allora regista teatrale Jouko Turkka, che secondo Sauli ha salvato la sua carriera in declino. Sul palco, Sauli dice di aver apprezzato il fatto che i ruoli cinematografici non sempre si siano portati con sé.Oltre ad apparire in film e teatro, Anneli Sauli ha spesso sollevato il suo background di rom e di attivista nel movimento operaio e come comunista. Era etnicamente finlandese-rom da parte di padre, e per molto tempo è stato membro dell'Associazione Rom Finlandese (ora Suomen Romaniyhdistys) e ne ha curato la rivista di informazione e appartenenza. Sauli ha preso parte alle elezioni parlamentari del 2007 come candidato SKP, ma non è stato eletto dopo aver ricevuto 272 voti. Alle elezioni del 2011 ha ottenuto 75 voti e nel 2010 Anneli Sauli ha ricevuto il premio statale per l'arte del valore di 15.000 euro. Ha ricevuto il premio Betoni-Juss 2013 per il suo lavoro di attrice cinematografica Sauli è stata sposata con Åke Lindman nel 1956-1962 e con Jaakko Pakkasvirta nel 1965-1968. Ha una figlia Johanna (nata nel 1965). Insieme a Tuula-Liina Varis, ha scritto il libro di memorie Elämäni on minun (1993).

Film

Eccoci di nuovo (1953) Silenzio - La lattaia (1953) Controlla te stesso (1954) Due vecchi boscaioli (1954) Ti chiamo stasera (1954) Pekka e Pätkä sulle tracce del pupazzo di neve (1954) Bella Kaarina (1955) Dal canto del gallo al canto del gallo (1955) Qualcosa in un uomo (1956) 1918 - Un uomo e la sua coscienza (1957) Nessun domani (1957) Miriam (1957) La croce e la fiamma (1957) Il beato colonnello (1958) Attraverso due corsie (1958) La ragazza nel bosco innevato (1958) Nessun corpo in camera da letto (1959) Su un razzo spaziale per amore (1959) Il testamento del dottor Mabuse (1962) Il rapporto o la ballata di Ship Girls (1964) L'X-Barone (1964) I Vendicatori da Londra (1964) Gioco d'azzardo (1965) Un cono sotto la schiena (1966) Non superare Perhana (1968) La condizione (1970) Tradimento (1988) Al Dio sconosciuto (1993) Tempo di grazia (1998) Debito d'onore (2002) Un uomo senza passato (2002) Ganes (2007) La tempesta (2008) Incontri (2009) Elma e Lisa (2011)

Serie TV

Fonti

Documentari

Timo Humaloja: Il prigioniero dello sguardo (2010)

Letteratura

Kalemaa, Kalevi: "Sauli, Anneli (1932–)", biografia nazionale finlandese, volume 8, pp. 699–700. Helsinki: Suomalainen Kirjalisuuden Seura, 2006. ISBN 951-746-449-5. Versione online dell'opera. Sauli, Anneli – Varis, Tuula-Liina: La mia vita è mia. Helsinki: WSOY, 1993. ISBN 951-0-18904-9. Waarala, Hannu: "Sauli, Wilde e il desiderio del corpo: scorci dei film degli anni '50 di Anneli Saul", Filmhullu 1/2011.

In tema altrove

Anneli Sauli a Elonet Anneli Sauli all'Internet Movie Database (in inglese) Necrologio di Anneli Sauli a Helsingin Sanomat