Elefante asiatico

Article

July 1, 2022

L'elefante asiatico (Elephas maximus) è una delle tre specie di elefanti attuali. È il più grande mammifero terrestre dell'Asia, con un peso compreso tra 2.700 e 5.000 chilogrammi, sei metri di lunghezza e quasi tre metri di altezza. L'elefante asiatico è più piccolo e peloso dell'elefante africano e ha orecchie più piccole. Le femmine non hanno grandi incisivi e possono mancare nei maschi. L'habitat dell'elefante asiatico si è ridotto e frammentato rispetto all'area originaria che si estendeva dalla costa iraniana al fiume Yangtze in Cina. Il WWF stima che ci siano tra 30.000 e 35.000 elefanti asiatici selvatici. La IUCN stima che circa la metà degli elefanti asiatici del mondo viva in India. Lo stock è in declino da secoli e la specie si è estinta nell'Asia occidentale. Oggi, la principale minaccia è la perdita e la frammentazione di un habitat idoneo. Si verifica anche il bracconaggio.In passato la specie era chiamata elefante indiano, ma oggi la specie è solitamente chiamata elefante asiatico perché si trova non solo in India ma anche in altri paesi asiatici. Oggi, l'elefante indiano è usato come nome della sottospecie di elefante asiatico Elephas maximus indicus.

Caratteri

L'elefante asiatico è più piccolo dell'elefante africano e ha orecchie più piccole. L'elefante è alto 2,5–3 metri, lungo 5,5–6,4 metri e pesa 2.700–5.000 chilogrammi. È il più grande mammifero terrestre dell'Asia. Degli elefanti asiatici, solo i maschi hanno veri incisivi. Gli incisivi delle femmine sono piccoli e raramente visibili. Tuttavia, gli incisivi possono anche mancare nei maschi. La percentuale di maschi senza dente varia dal 5 al 90% nella popolazione. In Sri Lanka, ad esempio, solo il 5 per cento degli elefanti ha gli incisivi, mentre nell'India meridionale il 90 per cento. Man mano che il cucciolo cresce, la maggior parte dei peli protettivi svanisce. La pelle di alcuni elefanti indiani, specialmente di quelli più vecchi, ha macchie rosa, specialmente sulle orecchie, sul muso e sul viso. I punti sono i meno a Sumatra e i più alti in Sri Lanka. I mammut erano più strettamente imparentati con gli elefanti asiatici che con gli elefanti africani. La punta dell'elefante è formata da una sicurezza estesa e dal labbro superiore e ha l'olfatto e il tatto sulla punta. A differenza degli elefanti africani, la punta di un elefante asiatico ha solo il labbro superiore. Ci sono molti muscoli nella punta di un elefante asiatico, motivo per cui un elefante può muoverlo con precisione in molte direzioni diverse e, se necessario, con grande forza. Un elefante asiatico può usare i suoi malati per bere e raccogliere cibo, tra le altre cose. Ad esempio, il potere della tartaruga è sufficiente per strappare i rami dagli alberi, in questo modo l'elefante può procurarsi il cibo. Un altro uso per il malato è produrre suoni. Oltre a questi usi, l'elefante annusa e sente anche il suo habitat. La punta del muso ha una sporgenza simile a un dito con la quale può afferrare anche piccoli oggetti. Durante la vita di un elefante asiatico, la sua dentatura viene rinnovata quattro volte. Dopo che gli ultimi denti sono finiti, i vecchi elefanti asiatici non saranno più in grado di masticare il cibo e potrebbero facilmente morire di fame. L'odontoiatria è specializzata nel mangiare il fieno e, come la dentizione di mammut, ha numerose creste trasversali di smalto. Ci sono più di queste creste rispetto agli elefanti africani, che sono specializzati nel mangiare principalmente cibo di ramoscelli e foglie. Quando il più importante di loro cade, il successivo si sposta in fondo. Quando i denti si esauriscono, l'elefante in natura muore di malnutrizione.

Azione

Sottospecie e habitat

A causa dell'isolamento degli habitat degli elefanti asiatici, gli elefanti asiatici possono essere suddivisi in quattro sottospecie. Elefante indiano (Elephas maximus indicus)