Giuseppe Stalin

Article

May 28, 2022

Yusuf Besarionis Dez Joghashvili (georgiano: ოსებ ბესბესრრრონონს ძე ჯუღჯუღშვშვშვლონს ძე ჯუღჯუღშვშვშვლლ), meglio conosciuto come Joseph Visarionovich Stalin (russo: Иосиф сталин) (18 dicembre 1878 - 5 marzo 1953) è stato un politico che prende il nome dal leader sovietico dalla metà degli anni '20 fino a metà degli anni '20 alla sua morte nel 1953, era il leader de facto del Partito Comunista dell'Unione Sovietica e, di conseguenza, il leader de facto dell'intero paese. È stato considerato una delle persone più influenti nella storia dell'umanità dall'ascesa al potere e dalla seconda guerra mondiale. Nacque a Gori, in Georgia, allora parte dell'Impero russo, e nel 1922 divenne segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Dopo la morte di Vladimir Lenin, Stalin riuscì a sconfiggere Leon Trotsky nella lotta per il potere degli anni '20 e assunse la guida del partito. Negli anni '30, Stalin lanciò la Grande Purga, una campagna nota per la repressione politica, l'arresto e l'assassinio di dissidenti, culminata nel 1937. Il governo di Stalin ha avuto molti effetti duraturi che sono durati fino alla fine dell'Unione Sovietica, anche se maoisti, Khoja, antirevisionisti e molti altri lo considerano l'ultimo vero leader socialista nella storia sovietica e "rivisitano" l'ascesa di Krusciov e la destalinizzazione dopo Stalin. Stalin affermò che le sue politiche erano basate sul marxismo-leninismo, ma ora il suo sistema economico e politico è per lo più chiamato stalinismo. (Anche se alcuni sostenitori di Stalin si oppongono al titolo). Nel 1928, Stalin sostituì la politica della NEP (politica di Новая нокономическая, НЭП, Nuove politiche economiche [1]) in vigore negli anni '20 con "piani quinquennali" e "agricoltura comune". Con queste politiche e sotto Stalin, l'Unione Sovietica divenne una delle potenze industriali mondiali alla fine degli anni '30, con una popolazione prevalentemente contadina.[2] La confisca di grano e altri prodotti alimentari da parte di funzionari sovietici per volere di Stalin fu una delle cause della carestia tra il 1932 e il 1934 (soprattutto in Ucraina, Kazakistan e Caucaso settentrionale). Molti contadini che si opponevano alla confisca e alla condivisione dell'agricoltura furono soppressi e arrestati sotto l'etichetta di "bufera di neve". Una carestia artificiale creata da Stalin in Ucraina, nota come Holodomor, uccise fino a 10 milioni di ucraini. Stalin fu il leader dell'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale e sotto la sua guida il paese svolse un ruolo fondamentale nella sconfitta della Germania nazista in quella guerra (conosciuta in Unione Sovietica come la Grande Guerra Patriottica). Dopo la guerra, Stalin invase l'Unione Sovietica