Elenco dei re Gurkha dell'India

Article

May 28, 2022

La dinastia Gurkha dell'India, conosciuta anche come Impero Mongolo, Impero Babur o Timuridi, è l'ultimo impero dell'età d'oro dell'Islam fondato in India dai principi della dinastia Timuride. I governanti di questa dinastia governarono su gran parte del subcontinente indiano dal 1526 al 1857 d.C., inclusi gli odierni India, Pakistan, Bangladesh e Afghanistan.Aveva iniziato il corso della civiltà, dopodiché si era gradualmente indebolita. Gli europei lo chiamano il periodo del Grande Mongolo, e dopo di che, quando il potere di questo impero fu gravemente diminuito, lo chiamano il periodo del Piccolo Mongolo. Bahadur Shah II fu l'ultimo sovrano Gurkha a cedere il potere alla Gran Bretagna nel 1857. I Gurkha avevano molti rapporti con le dinastie regnanti nel Rajput e in Iran e tra loro furono stabiliti matrimoni reali. Mentre i primi due re di questa dinastia, Babar e Homayoun, erano di discendenza dell'Asia centrale (turca), Akbar era per metà persiano, Jahangir per metà iraniano e un quarto era persiano, così come Shah Jahan per tre quarti Rajput. alla fine del diciassettesimo secolo e all'inizio del diciottesimo secolo i Gurkhan dell'India avevano raggiunto il loro apice, conquistando il subcontinente indiano dal Bengala a est a Kabul e Sindh a ovest, e dal Kashmir a nord al fiume Kavari a Sud. La popolazione sotto la loro guida è stimata tra 110 e 150 milioni (che all'epoca era circa un quarto della popolazione mondiale) e 3,2 milioni di chilometri quadrati dell'impero.

Impero Mongolo Gurkan

I Gurkhanidi furono fondati da Babur, i principi timuridi di Turan o Turkestan. Babur era un discendente di Timur Lang e sua madre era imparentata con Jaghtai, il secondo imperatore mongolo e figlio di Gengis Khan. All'età di quattordici anni, si trasferì a sud con Sheibani Khan e si stabilì a Kabul. Poi andò in Afghanistan e invase l'India dallo stretto di Khyber. Conquistò per la prima volta Panipet in una battaglia nel 1526. Ma i problemi della guerra non gli hanno permesso di consolidare il potere. Questi problemi si sono manifestati durante il periodo del suo successore, Nasir al-Din Homayoun. I ribelli si ribellarono contro Homayoun e si rifugiò presso i Safavidi, il che portò all'influenza dei governanti dell'Asia occidentale a Gurkhani. Nel 1555 Homayoun riuscì a far rivivere il suo impero con l'aiuto dell'Iran, ma morì poco dopo. Il figlio di Homayoun, Akbar Kabir, sotto la supervisione di Mohammad Beyram