latino

Article

May 28, 2022

Il latino o latino (latīnum) è una lingua classica appartenente al ramo italiano delle lingue indoeuropee. Il latino era originariamente parlato nell'area intorno a Roma, conosciuta come Lazio. Con l'avvento della Repubblica Romana, il latino divenne la lingua principale in Italia e poi in tutta la parte occidentale dell'Impero Romano. Il latino è l'antenato delle moderne lingue romane in Europa e ha introdotto molte parole in altre lingue europee come l'inglese. In latino, le radici latine (e il greco antico) sono usate in teologia, scienza, medicina e diritto. Il latino è la lingua ufficiale della Santa Sede (Città del Vaticano). Alla fine della Repubblica Romana (75 aC), il latino antico era diventato il latino classico standard. Il latino era un dialetto latino colloquiale parlato allo stesso tempo ed è menzionato nelle iscrizioni e nelle opere di satirici come Plutone e Trentius e scrittori come Petronio. Il tardo latino è una lingua scritta del III secolo. La forma colloquiale del gergo latino dal VI al IX secolo nelle lingue romane, come italiano, sardo, venti, napoletano, siciliano, piemontese, lombardo, francese, franco-provenzale, auxiano, corsi, ladino, friulano, romanzesco, catalano / Si svilupparono valenciani aragonesi, spagnoli, asturiani, galiziani e portoghesi. Il latino medievale fu usato come lingua letteraria d'Europa dal IX secolo fino al Rinascimento. La lingua si è poi evoluta nel latino moderno. Il latino fu la lingua della comunicazione internazionale e dell'educazione scientifica fino alla fine del Settecento, quando fu sostituito dalle lingue autoctone (comprese le lingue romane). Il latino è la lingua ufficiale della Santa Sede e della Chiesa cattolica romana. Il latino è una lingua completamente derivata, con tre generi, sei o sette modi grammaticali, cinque congiunzioni, quattro tipi di coniugazione verbale, sei tempi, tre persone, tre facce, due direzioni del verbo, due o tre forme e due numeri. L'alfabeto latino deriva dagli alfabeti etrusco e greco, e infine dall'alfabeto fenicio.

Data

Nel 146 a.C. la Repubblica Romana conquistò la Grecia. Pur preservando la loro lingua latina, i romani impararono presto ciò che potevano dalla cultura e dall'arte greca, e nel giro di due o tre secoli formarono imperi che includevano l'antico mondo civilizzato (ovest dell'Iran) e includevano Egitto, Grecia, Asia Minore e Siria. Ciascuno divenne uno stato romano. Sebbene i romani non abbiano mostrato pietà nel loro dominio, erano almeno ambasciatori di civiltà, in altre parole, hanno consegnato a queste regioni arretrate l'essenza dell'antica civiltà greco-romana. Romanizzazione di queste aree �