lingua bulgara

Article

May 28, 2022

Il bulgaro (bulgaro: Български език, pronuncia: Бگارлгарски език) è una lingua indoeuropea ed è il ramo meridionale delle lingue slave. Il bulgaro ha caratteristiche linguistiche - come l'eliminazione di semplici parole; Espandi la lettera di definizione del suffisso; Non è necessario che il vocabolario faccia riferimento e mantenga l'attuale sistema non slavo, che lo distingue dalle altre lingue della famiglia slava. Il bulgaro fa parte del legame linguistico dei Balcani. Oltre al bulgaro, al greco, al macedone, al rumeno, all'albanese e al dialetto turco, che fa parte della lingua serba, sono membri di questa associazione, la maggior parte dei quali ha le stesse caratteristiche di cui sopra. (Come articolo determinativo, mancanza di infinito, dispositivo complesso attuale,...) È parlato in Bulgaria, Ucraina, Serbia occidentale, Romania, Macedonia, Grecia e Turchia. Si trovano anche attraverso la migrazione delle associazioni linguistiche bulgare in tutto il mondo. Il numero di parlanti di questa lingua è stimato a 12 milioni.

Storia

La diffusione della lingua bulgara è stata suddivisa in diversi periodi storici. Il periodo preistorico tra le invasioni slave dei Balcani orientali risale alla missione religiosa di San Corelli e San Metodio negli anni 860. A quel tempo i santi menzionati e i loro seguaci restituirono la Bibbia e altri scritti rituali dal greco all'antica Chiesa slava. L'antica lingua bulgara proveniva dal cuore della lingua. Il bulgaro medio (dal XII al XV secolo d.C.) era un borna e una lingua letteraria innovativa. Il bulgaro moderno risale al XVI secolo d.C. fino ai giorni nostri. È stato stabilito come lingua madre della Bulgaria nel 19esimo secolo. L'espansione storica della lingua bulgara dall'antico bulgaro al moderno bulgaro è stata la transizione da una lingua combinata a una lingua analitica. Nell'attuale lingua bulgara sono rimaste solo meno di venti parole della lingua bulgara. I bulgari originariamente parlavano bulgaro, una lingua della famiglia linguistica turca. Dopo essere emigrati dalla loro patria in Bulgaria, hanno adottato la lingua slava nativa.

Alfabeto

Nell'886 d.C., la Bulgaria adottò l'alfabeto glagolitico, creato da San Coryl e San Metodio. Gradualmente, nel corso dei secoli glagolitici, il cirillico sostituì l'inizio del X secolo d.C. nella scuola letteraria di Preslav. Molti dell'alfabeto cirillico sono stati presi in prestito dall'alfabeto greco; Ma le parole che non erano sempre greche erano glagolitiche semplificate. Alla fine del XVIII secolo (maggio