2022 Invasione russa dell'Ucraina

Article

May 28, 2022

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato un'offensiva su larga scala contro il suo vicino occidentale, l'Ucraina, segnalando una forte escalation della crisi Russia-Ucraina iniziata nel 2014. Questa è la più grande invasione militare convenzionale dell'Europa dalla seconda guerra mondiale. Prima dell'invasione, l'influenza militare russa in Ucraina è iniziata all'inizio del 2021, durante la quale il presidente russo Vladimir Putin ha criticato l'espansione della NATO della NATO nel 1997 come una minaccia alla sicurezza del suo paese e ha chiesto un divieto legale dell'alleanza militare dell'Ucraina. Ha anche proposto la teoria della riconnessione (riconquista dei territori ex sovietici). Nonostante l'aumento delle forze, i funzionari russi da metà novembre 2021 al 20 febbraio 2022 hanno ripetutamente respinto il piano russo di invadere l'Ucraina. Il 21 febbraio 2022, la Russia ha formalmente riconosciuto la Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Luhansk, due stati autoproclamati nella regione del Donbas nell'Ucraina orientale, e ha inviato truppe in quelle regioni. Il giorno successivo, il Consiglio della Federazione Russa ha autorizzato all'unanimità Putin a usare la forza militare al di fuori della Russia. Intorno alle 5:00 (ora dell'Europa orientale) del 24 febbraio, Putin ha annunciato il lancio di un'operazione militare speciale nell'Ucraina orientale. Pochi minuti dopo, i razzi sono stati lanciati in aree dell'Ucraina, inclusa la capitale Kiev. I posti di frontiera dell'Ucraina con la Russia e la Bielorussia sono stati attaccati, ha affermato il servizio di frontiera ucraino. Due ore dopo, le forze di terra russe sono entrate in Ucraina. Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha risposto all'attacco dichiarando la legge marziale, interrompendo i legami diplomatici con la Russia e ordinando una mobilitazione generale. Le operazioni militari russe si sono svolte nell'Ucraina orientale, nella Bielorussia meridionale (alleato della Russia) e nella penisola di Crimea. Dopo l'invasione, molti ucraini fuggirono ai confini dei vicini occidentali dell'Ucraina, in particolare della Polonia. Il presidente dell'Ucraina ha invitato uomini tra i 18 ei 60 anni a combattere per il loro paese con la Russia. L'attacco è stato accolto con un'ampia condanna internazionale, comprese le nuove sanzioni contro la Russia, che hanno innescato una crisi finanziaria in Russia. Più di 2 milioni di ucraini sono fuggiti dalle loro case e si sono rifugiati in altri paesi, e questa è diventata una crisi per i richiedenti asilo ucraini. Le proteste in Russia sono state accolte con arresti di massa e il governo russo ha notevolmente aumentato la repressione dei media indipendenti. Molte compagnie hanno sanzionato Russia e Bielorussia. Aiuti umanitari di diversi paesi