Ma Goldman

Article

May 28, 2022

Emma Goldman (nata il 27 giugno 1869 - morta il 14 maggio 1940) è stata un'attivista politica e scrittrice anarchica. Nella prima metà del XX secolo, ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo della filosofia politica dell'anarchismo in Nord America e in Europa. Goldman nacque in una famiglia ebrea a Kaunas, in Russia (ora Lituania) ed emigrò negli Stati Uniti nel 1885. Dopo il Chicago Highmarket, Goldman si dedicò all'anarchismo, diventando un noto autore ed educatore in filosofia anarchica, diritti delle donne e questioni sociali, e attirò migliaia di persone. Lui e lo scrittore anarchico Alexander Berkman furono un amante e un amico per tutta la vita che complottarono per assassinare Henry Kelly Frick, un artigiano e capitalista, in una campagna di propaganda. Frick sopravvisse a un tentativo di omicidio nel 1892 e Berkman fu condannato a 22 anni di prigione. Goldman è stato incarcerato più volte negli anni successivi per "incitamento a rivolte" e diffusione illegale di informazioni contraccettive. Nel 1906, Goldman fondò l'Anarchist Journal of Mother Earth. Nel 1917, Goldman e Berkman furono condannati a due anni di carcere per aver complottato per "incitare le persone a non registrarsi" nel servizio obbligatorio. Dopo il loro rilascio dal carcere, sono stati arrestati insieme ad altri 248 e deportati in Russia. Goldmann inizialmente sostenne la Rivoluzione d'Ottobre e l'ascesa al potere dei bolscevichi in quel paese, ma cambiò idea in seguito alla rivolta di Kronstadt. Ha denunciato l'Unione Sovietica per aver represso violentemente le voci indipendenti. Goldmann lasciò l'Unione Sovietica e nel 1923 scrisse un libro sulle sue esperienze, che fu pubblicato in Russia con il titolo My Despair. Mentre trascorse gli anni seguenti in Inghilterra, Canada e Francia, scrisse un'altra autobiografia, My Life I Do, che fu pubblicata in due volumi, nel 1931 e nel 1935. Dopo l'inizio della guerra civile spagnola, Goldman si recò in Spagna per sostenere la rivoluzione anarchica. Morì il 14 maggio 1940 all'età di 70 anni a Toronto, in Canada. Durante la sua vita, Goldman è stata salutata dai suoi ammiratori come una "donna ribelle" dal pensiero libero e i suoi critici l'hanno condannata per aver difeso l'omicidio politicamente motivato e la rivoluzione violenta. I suoi scritti e le sue conferenze coprono una varietà di argomenti, inclusi prigionieri, ateismo, libertà di espressione, militarismo, capitalismo, matrimonio, amore libero e omosessualità. Sebbene abbia preso le distanze dalla prima ondata di femminismo e dagli sforzi del movimento per garantire il suffragio femminile, ha trovato nuovi modi per integrare i neri.