utopia

Article

June 28, 2022

L'utopia è stata usata per la prima volta da Thomas Moore in un libro con lo stesso titolo nel 1516 per descrivere un sistema politico impeccabile, ma gradualmente è stato utilizzato l'uso del termine utopia. Il socio-politico è andato oltre. Concetti simili del termine sono già stati proposti nelle opinioni degli antichi filosofi greci (Platone e Aristotele) e nella filosofia islamica è stata definita "l'utopia". L'utopismo è l'attaccamento alla creazione o all'immaginazione di un ordine sociale ideale. Fin dai tempi di Platone, molti scrittori hanno ideato società ideali e molti gruppi religiosi e riformatori politici in Europa si sono sforzati di stabilire società ideali.L'opposto di questo concetto è una società anti-ideale (città in rovina).

Parola radice

L'origine della parola utopia è greca e significa "dove non c'è nessuno" o "da nessuna parte". Utopia Utopia è una parola greca composta da OU (significato), che significa "negazione", e la parola TOPOS (topus) che significa "luogo"; Quindi utopia significa letteralmente "impossibile".

Caratteristiche

L'utopia è simbolo di una realtà ideale senza difetti. Può anche rappresentare una verità irraggiungibile. Platone è considerato il primo filosofo idealista del pensiero occidentale. In effetti, l'utopia è in perfetta sintonia con il concetto dell'idea di Platone. Questa sua idea può essere trovata nel suo trattato repubblicano. In The Republic, Platone espande la politica in aree più ampie, come lo stato e la costituzione. Platone dipinge le linee principali necessarie per organizzare una città ideale. Ecco perché molti lo considerano il fondatore di questa idea. L'utopia dal punto di vista dei filosofi greci Secondo la filosofia greca, l'anima della società è la giustizia. La giustizia è una delle quattro virtù della città ideale di Platone, che è importante insieme alle altre tre virtù, ovvero saggezza, coraggio e autocontrollo. La giustizia è più importante tra questi quattro. La giustizia è come l'armonia in un'orchestra. Secondo Platone, una città giusta è come un uomo giusto, e un uomo giusto deve e può governare se stesso. In una tale città si creano pace e tranquillità nel centro città e negli angoli nascosti, e c'è armonia all'aperto e tra le classi della città. L'utopia dal punto di vista dei pensatori iraniani

Abu Nasr Farabi, scienziato iraniano

Nei testi religiosi e mitologici dell'antico Iran e nella letteratura persiana in cui si parla dell'antico Iran