Unione europea

Article

August 11, 2022

L'Unione Europea (UE) è una comunità politica di diritto costituita in un regime sui generis di organizzazione internazionale creata per promuovere e accogliere l'integrazione e la governance comune degli Stati e dei popoli d'Europa. È composto da 27 Stati europei ed è stato istituito con l'entrata in vigore del Trattato sull'Unione europea (TUE) il 1 novembre 1993. [6] Con questo atto, la sovrastruttura dell'«Unione europea» ha unito ed è stata fondata sulle tre Comunità europee preesistenti: la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), la Comunità europea dell'energia atomica (Euratom) e la Comunità economica europea (CEE / CE ) - e ad esse ha aggiunto la politica estera comune e la cooperazione giudiziaria e di polizia, formando un sistema complesso denominato "i tre pilastri". Tuttavia, con l'entrata in vigore il 1° dicembre 2009 del Trattato di Lisbona, l'Unione Europea è succeduta, nella sua totalità seppur con alcune particolarità, alle Comunità Europee assumendo così la sua unica personalità giuridica quale soggetto di diritto internazionale.[7] L'Unione Europea ha sviluppato un ordinamento giuridico e politico, la Comunità Europea, l'unico al mondo, che è governato da complessi meccanismi operativi e procedure interne, che si sono diffusi ed evoluti nel corso della sua storia fino a formare, oggi, un governo ibrido transnazionale sistema difficilmente omologabile, coniugando elementi prossimi alla cooperazione multilaterale, seppur fortemente strutturati e istituzionalizzati, con altri di chiara vocazione sovranazionale, entrambi governati da una dinamica di integrazione regionale molto accentuata. Tutto ciò porta a una comunità del diritto molto peculiare, la cui natura giuridica e politica è molto controversa, sebbene i suoi elementi fondanti e la sua evoluzione storica, ancora aperti, indichino, attualmente, una forma particolare di confederazione moderna o governance sovranazionale, fortemente istituzionalizzata e con un'ispirazione storico-politica di vocazione federale —nel senso di un nuovo federalismo internazionale, non di un classico Stato federale— che si rileva con una certa chiarezza in ambiti quali la cittadinanza europea, i principi di primato e di efficacia diretta che sono applicabile al vostro ordinamento giuridico in relazione agli ordinamenti nazionali, all'ordinamento giurisdizionale o all'unione monetaria (il sistema dell'euro). L'Unione Europea, e prima ancora delle Comunità, promuove l'integrazione continentale attraverso politiche comuni che abbracciano diversi ambiti di azione, originariamente essenzialmente economici e progressivamente estesi ad ambiti indubbiamente politici.[8] Per raggiungere i loro obiettivi comuni, gli Stati dell'Unione attribuiscono determinati poteri ad essa, esercitando una sovranità comune o condivisa che si dispiega attraverso i canali comunitari. L'Unione europea è governata da un sistema interno in regime di democrazia rappresentativa.[9] Le sue istituzioni sono sette: il Parlamento europeo, il Consiglio europeo, il Consiglio, la Commissione europea, la Corte di giustizia dell'Unione europea, la Corte di giustizia Conti e Banca Centrale Europea. Il Consiglio europeo esercita funzioni di indirizzo politico generale e di rappresentanza estera e nomina i capi delle alte istituzioni costituzionali; il Parlamento europeo e il Consiglio esercitano il potere legislativo in condizioni di parità, adottando decisioni comuni - ad eccezione delle procedure legislative speciali, in cui il Parlamento svolge un ruolo meramente consultivo -; [10] [11] la Commissione o il Collegio dei Commissari applicano il diritto dell'Unione, vigilare sull'osservanza di esso ed eseguire le sue politiche, e l'iniziativa legislativa dinanzi al Parlamento e alla Commissione spetta esclusivamente ad essa; [11] la Corte di giustizia esercita i compiti giurisdizionali sup