Ucraina

Article

June 26, 2022

L'Ucraina (in ucraino: Україна; TR: Ukraïna; AFI: / ukrɑˈjinɑ / (ascolta)) è uno stato sovrano situato nell'Europa orientale. La sua forma di governo è la repubblica che è governata da un sistema semipresidenziale, con la separazione dei poteri esecutivo, legislativo e giudiziario. Il suo territorio è organizzato secondo uno stato unitario composto da ventiquattro oblast, la Repubblica autonoma di Crimea e due città a statuto speciale: Kiev e Sebastopoli.[Nota 1] L'Ucraina ha una superficie di 603.628 chilometri quadrati e una popolazione di 41 732 779 abitanti. La città di Kiev è la capitale e la città più popolosa del paese. La lingua ufficiale dell'Ucraina è la lingua ucraina e la religione predominante è il cristianesimo ortodosso. La storia dell'Ucraina inizia nell'882 con la fondazione della Rus di Kiev. Kievan Rus era abitata da varie tribù slave orientali, principalmente i ruteni, e l'Ucraina era il centro dell'area abitata da questo gruppo. Kiev Rus divenne lo stato più grande e potente d'Europa, [4] con Kiev che a quel tempo era la città più grande e popolosa del continente. Non si sa molto di Kiev Rus, perché dopo la loro invasione mongola nel 1256, lo stato fu raso al suolo. Dopo la disintegrazione della Rus di Kiev, uno dei suoi principati, il Principato di Galizia-Volnia, divenne il Regno di Rutenia o Regno della Rus e continuò la gerarchia della Rus di Kiev. Nel 1349, il Regno di Rutenia si unì alla Lituania formando così il Granducato di Lituania, Rutenia e Aukštaitija. Con la fine della dinastia Jagellone, il territorio della Rutenia o Ucraina fu incorporato nella Repubblica delle Due Nazioni nel 1569, in un successivo trattato fu concordata l'istituzione del Granducato di Rus o Granducato di Rutenia, ma a causa della desiderio per i cosacchi Sich di Zaporozhia di stabilire uno stato indipendente, nel 1648 dopo la ribellione di Khmelnytsky, si formò il cosacco Hetmanate o cosacco Ucraina. Dopo alcuni decenni di prosperità, l'Etmanato fu progressivamente diviso tra la Repubblica delle Due Nazioni e lo Zarato di Mosca (dal 1721 Impero Russo), fino all'anno 1772 quando l'Etmanato scomparve completamente. Nel territorio dell'Ucraina occupato dall'Impero russo, la popolazione e la cultura ucraine sono state discriminate, cercando di far scomparire la lingua rutena o antico ucraino (vedi: Cronologia dei divieti della lingua ucraina), vietando la letteratura, la musica e dando messa in Ucraino. Fu organizzata anche una massiccia emigrazione della popolazione ucraina verso parti remote dell'impero, che in seguito avrebbe dato origine alle colonie dell'Ucraina Verde, dell'Ucraina Grigia o dell'Ucraina Gialla. Il crollo dell'impero russo dopo la rivoluzione di febbraio del 1917 diede origine alla guerra d'indipendenza ucraina, dalla quale nacquero la Repubblica popolare ucraina, la Repubblica popolare dell'Ucraina occidentale, il Secondo etmanato e la Repubblica di Kholodnoyarsk. Nel corso della guerra, l'Ucraina occidentale fu unificata con l'Ucraina nel 1919, che alla conferenza di pace di Parigi del 1919 rivendicò tutto il territorio in cui la popolazione ucraina rappresentava la maggioranza: il territorio dell'attuale Ucraina, Kuban e importanti regioni di l'odierna Bielorussia e la Federazione Russa. A seguito della guerra d'indipendenza, la Repubblica Popolare Ucraina fu sconfitta e il suo territorio fu diviso principalmente tra la Polonia e l'Unione Sovietica, che nel 1921 assegnò un territorio molto piccolo alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina. fu una delle repubbliche fondatrici dell'Unione Sovietica con la firma del Trattato di creazione dell'URSS. Al tempo dell'Unione Sovietica, in misura maggiore che nell'Impero russo, la popolazione ucraina fu colpita da pulizie etniche come l'Holodomor nel 1933, dove morì