Il guardiano

Article

June 28, 2022

The Guardian è un quotidiano britannico. Era noto dal 1821 al 1959 come il Manchester Guardian. Insieme ai suoi quotidiani gemelli The Observer e The Guardian Weekly, The Guardian fa parte del Guardian Media Group, di proprietà dello Scott Trust. Lo Scott Trust è stato creato nel 1936 "per garantire l'indipendenza finanziaria ed editoriale di The Guardian per sempre e per salvaguardare la libertà giornalistica e i valori liberali di The Guardian liberi da interferenze commerciali o politiche". La Scott Trust è diventata una società per azioni nel 2008, con una costituzione scritta per proiettare le stesse protezioni per The Guardian che erano state originariamente costruite sulla stessa struttura ideata dai suoi creatori. I profitti vengono reinvestiti nel giornalismo invece di avvantaggiare il proprietario o gli azionisti.[4] I lettori del giornale sono generalmente a sinistra dello spettro politico dell'opinione politica britannica.[5] [6] La reputazione del giornale come piattaforma per l'editoria liberale e di sinistra ha portato all'uso del "lettore guardiano". "Guardianista" come epiteti dispregiativi spesso (ma non sempre) per quelli di tendenze di sinistra o politicamente corrette.[7] [8] [9] The Guardian è curato da Katharine Viner, succeduta ad Alan Rusbridger nel 2015. [10] [11] Nel 2016, l'edizione cartacea di The Guardian ha avuto una tiratura media giornaliera di circa 162.000 copie nel paese, dietro The Daily Telegraph e The Times [12] Dal 2018 è pubblicato in formato tabloid. Il giornale ha un'edizione online nel Regno Unito, oltre a due siti Web internazionali, Guardian Australia (fondato nel 2013) e Guardian US (per gli Stati Uniti, fondato nel 2011). L'edizione online del quotidiano è stata la quinta più letta al mondo nell'ottobre 2014, con oltre 42,6 milioni di lettori.[13] Le sue edizioni combinate cartacee e online raggiungono quasi 9 milioni di lettori britannici.[14] Scoop degni di nota includono lo scandalo delle intercettazioni telefoniche e dell'hacking di telefoni cellulari del 2011 di News International, in particolare l'hacking del telefono dell'adolescente inglese assassinata Milly Dowler.[15] L'indagine ha portato alla chiusura del quotidiano domenicale più venduto al mondo. uno dei giornali più diffusi al mondo, News of the World.[16] Il Guardian ha anche pubblicato la notizia della raccolta segreta di tabulati telefonici di Verizon detenuti dall'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama nel giugno del 2013, [17] e successivamente ha rivelato la L'esistenza del programma di sorveglianza PRISM dopo che è stato divulgato al giornale dall'informatore della NSA Edward Snowden.[18] Nel 2016, ha guidato l'indagine sui Panama Papers, esponendo i legami dell'allora primo ministro britannico David Cameron con conti bancari offshore. The Guardian è stato nominato Giornale dell'Anno quattro volte negli annuali British Press Awards, il più recente nel 2014 per aver riferito sulla sorveglianza del governo.[19] A causa della frequenza degli errori tipografici su carta, negli anni '20. la rivista di attualità Private Eye lo soprannominò The Grauniad, un soprannome usato ancora oggi.[20]

Storia

Il Manchester Guardian è stato fondato nel 1821 da un gruppo di uomini d'affari anticonformisti guidati da John Edward Taylor. L'annuncio della sua fondazione proclamava che "rafforzerà gelosamente i principi della libertà civile e religiosa, difenderà strenuamente la causa della Riforma, aiuterà la diffusione dei giusti principi dell'Economia Politica e sosterrà, senza riferimento il partito o partito di provenienza. , a tutte le idee utili" Il suo editore più noto era C. P. Scott, che acquistò il giornale nel 1907. Sotto la sua direzione la linea di