XX secolo

Article

July 3, 2022

Il XX secolo d. C. (XX secolo dopo Cristo) o XX secolo e. C. (XX secolo dell'era volgare) è il secolo precedente; era l'ultimo secolo del secondo millennio del calendario gregoriano [1] [2] Cominciò il 1 gennaio 1901 e terminò il 31 dicembre 2000. [3] [2] È chiamato il «secolo dell'avanti -garde». Il XX secolo è stato caratterizzato da progressi nella tecnologia, nella medicina e nella scienza; la fine della schiavitù nei cosiddetti paesi sottosviluppati; la liberazione delle donne nella maggior parte dei paesi occidentali; ma soprattutto a causa del crescente sviluppo dell'industria, che ha trasformato diversi paesi, inclusi gli Stati Uniti, in potenze mondiali. Il secolo è stato anche caratterizzato da crisi umane e dispotismo sotto forma di regimi totalitari, che hanno causato effetti come le guerre mondiali; genocidio ed etnocidio, politiche di esclusione sociale e generalizzazione della disoccupazione e della povertà.[4] Di conseguenza, si sono approfondite le disuguaglianze nello sviluppo sociale, economico e tecnologico e nella distribuzione della ricchezza tra i paesi, e le grandi differenze nella qualità della vita degli abitanti delle diverse regioni del mondo.[5] [6] Facendo il punto su questo secolo, Walter Isaacson, amministratore delegato della rivista Time, ha dichiarato: "È stato uno dei secoli più sorprendenti: stimolante, a volte spaventoso, sempre affascinante." [Citazione necessaria] Secondo Gro Harlem Brundtland, ex primo ministro In Norvegia, questo è "un secolo di grandi progressi [e, in alcuni luoghi,] una crescita economica senza precedenti", sebbene le aree urbane dei bassifondi abbiano dovuto affrontare un quadro cupo di "sovraffollamento e malattie diffuse legate alla povertà e a un ambiente malsano" [Citazione necessaria] All'inizio del XX secolo, l'America Latina ha dovuto affrontare importanti cambiamenti. I paesi si erano definitivamente inseriti nel sistema mondiale e si dedicavano alla produzione ed esportazione di materie prime come cibo e metalli e anche all'importazione di manufatti dai paesi industrializzati.[7] L'impero britannico (che dominava un quarto del pianeta e dei suoi abitanti), vari imperi europei, l'impero cinese della dinastia Qing e l'impero ottomano controllavano gran parte del mondo all'alba del XX secolo. Molto prima della fine del secolo, tali imperi erano stati relegati nei libri di storia. Alla fine del secolo, dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, il primo e più grande stato socialista, gli Stati Uniti d'America rimasero l'unica superpotenza mondiale.[8]

Eventi

1900

Il Novecento inizia tra grandi e dolci progressi, tra i quali l'automobile occupa un posto di rilievo. In America, Henry Ford avanzò una vera rivoluzione nel sistema di produzione della catena industriale che mise alla prova con la fabbricazione del suo Modello T. Il 17 dicembre 1903 i fratelli Wright furono i primi a volare su un aereo controllato. alcuni dicono che questo onore spetta ad Alberto Santos Dumont, che fece il suo volo il 13 settembre 1906. L'aereo sarebbe diventato una delle invenzioni più importanti non solo di questo secolo ma della storia in generale. Nel 1905, la guerra russo-giapponese mise l'impero del Giappone contro l'impero degli zar russi. La fine della guerra ha dato al Giappone il vincitore, con sorpresa del mondo occidentale. La nazione asiatica di fatto è diventata una nuova potenza mondiale. In Russia sorse la rivoluzione russa del 1905, che sarebbe diventata il precursore di quella avvenuta nel 1917 e che finì per causare la caduta dell'impero russo. L'Impero tedesco o Secondo Reich iniziò a forgiarsi in modo netto intorno alla Prussia a partire dal regno di Federico II il Grande e si consolidò definitivamente negli ultimi decenni dell'Ottocento, grazie a