XIX secolo

Article

July 3, 2022

Il XIX secolo d.C. C. (XIX secolo dopo Cristo) o XIX secolo e. C. (XIX secolo d.C.) era il IX secolo del II millennio nel calendario gregoriano. Cominciò il 1 gennaio 1801 e terminò il 31 dicembre 1900. È chiamato il "secolo dell'industrializzazione". [1] La caratteristica fondamentale di questo secolo è di essere un periodo di grandi cambiamenti. Scienza ed economia si sarebbero alimentate reciprocamente, il termine 'scientifico', coniato nel 1833 da William Whewell, [2] [3] sarebbe stato una parte fondamentale del linguaggio del tempo; l'economia subirà due forti rivoluzioni industriali, la prima avvenuta tra il 1750 e il 1840, e la seconda tra il 1880 e il 1914. [4] In politica, le nuove idee del secolo precedente avrebbero posto le basi per le rivoluzioni borghesi, rivoluzioni che si sarebbero diffuse attraverso il mondo attraverso l'imperialismo e cercherebbero un'alleanza con il movimento operaio al quale darebbero il suffragio universale; in filosofia emergerebbero i principi della maggior parte delle correnti di pensiero contemporanee, correnti come l'idealismo assoluto, il materialismo dialettico, il nichilismo e il nazionalismo; l'arte richiederebbe tempo per avviare il processo d'avanguardia, ma sarebbe fondata su movimenti come l'impressionismo. Alla fine di questo secolo, la cinematografia e l'animazione sono emerse grazie ai grandi progressi tecnologici dell'epoca.

Scienza

Medicina

Lo sviluppo della medicina è direttamente correlato ai fenomeni migratori, al sovraffollamento delle città e alle precarie condizioni di vita della classe operaia sin dalla Rivoluzione Industriale, alle malattie infettive (sifilide, tubercolosi) o legate alla cattiva alimentazione (pellagra, rachitismo, scorbuto). Questi temi sono cruciali per comprendere l'origine della medicina sociale di Rudolf Virchow e la nascita del sistema sanitario pubblico di Edwin Chadwick che darebbe origine all'attuale medicina preventiva. La stessa Rivoluzione Industriale, con l'aggiunta di numerose guerre e rivoluzioni, genererebbe uno sviluppo scientifico generalizzato che contribuirebbe a stabilire le condizioni tecniche per il trionfo dell'asepsi, dell'anestesia e della chirurgia.[5] Le rivoluzioni borghesi, promotrici di cittadini liberi di pensare, costruiscono una nuova medicina scientifica ed empirica, distaccata dal mistico e artigianale. Culmina nell'oppressione dei vecchi canoni etici dell'assolutismo e del cattolicesimo, stabilendo nuovi canoni, nuovi calendari. Il XIX secolo vide la nascita della medicina sperimentale di Claude Bernard, della teoria dell'Omnia cellula a cellula di Rudolf Virchow, della teoria microbica della malattia, della teoria dell'evoluzione delle specie di Charles Darwin e della genetica di Gregor Mendel. Identificando i microrganismi come causa di molte malattie, la medicina è progredita enormemente, molto più velocemente che in qualsiasi momento precedente nella storia. Quando questo fu noto, iniziarono ad essere utilizzati metodi come antibiotici e sterilizzazione, inoltre, iniziò ad esserci un notevole aumento dell'igiene. Tutti questi progressi hanno fatto sì che l'aspettativa di vita che era di soli 30-40 anni all'inizio del XIX secolo è aumentata a 50-60 anni all'inizio del XX secolo, essendo un progresso così rapido ed efficace mai raggiunto prima nella storia del la medicina.

Storiografia

L'Ottocento è caratterizzato dalla rottura definitiva con la fusione che la storia aveva avuto con la letteratura. Leopold von Ranke si impegna in una storia critica e scettica. È influenzato dalle correnti filosofiche prevalenti del momento, come il liberalismo e il nazionalismo, cadendo anche nell'etnocentrismo, nel razzismo e soprattutto nell'eurocentrismo. Le riflessioni sulla società di Saint-Simon producono due tendenze che modificherebbero le tendenze