Joseph Alois Schumpeter

Article

July 1, 2022

Joseph Alois Schumpeter (Trest, Moravia, 8 febbraio 1883-Taconic, Salisbury, 8 gennaio 1950)[1] è stato un importante economista austro-americano, ministro delle finanze in Austria (1919-1920). Studiò all'Università di Vienna e fu discepolo di Eugen Böhm von Bawerk e Friedrich von Wieser. Insegnò economia per anni nelle università di Vienna, Czernowitz (ora Chernovtsi, Ucraina), Graz e Bonn dal 1909. Si stabilì negli Stati Uniti nel 1932 e lì fu professore all'Università di Harvard fino alla sua morte nel 1950. Si è distinto per le sue ricerche sul ciclo economico e per le sue teorie sull'importanza vitale dell'imprenditore, sottolineando il suo ruolo nell'innovazione che determina l'aumento e la diminuzione della prosperità. Ha reso popolare il concetto di distruzione creativa come un modo per descrivere il processo di trasformazione che accompagna le innovazioni. Predisse la disintegrazione sociopolitica del capitalismo, che, secondo lui, si sarebbe autodistrutto a causa del suo stesso successo.[2][3]​

Biografia

Schumpeter nacque nel 1883 a Trest (Moravia, ora parte della Repubblica Ceca), unico figlio del fabbricante di tessuti cattolico moravo-tedesco Joseph Alois Karl Schumpeter (nato il 15 marzo 1855 a Triesch; † gennaio 1887 lì) e sua moglie Johanna, nata Grüner (nata il 9 giugno 1861 a Wiener Neustadt; † 22 giugno 1926 a Vienna). Trest (Moravia), che a quel tempo apparteneva alla metà occidentale della monarchia austro-ungarica. Dopo la morte prematura del padre, il bambino di 5 anni si trasferì a Graz con la madre di 27 anni nel 1888 per poter frequentare una scuola pubblica di qualità. Qui il suo futuro patrigno Sigismondo von Kélersden era un tenente feldmaresciallo nell'esercito. Affinché Joseph potesse continuare i suoi studi presso il miglior istituto scolastico della monarchia, la famiglia si trasferì a Vienna nel 1893 e Schumpeter fu accolto al Theresianum. Nel 1901 lasciò il Theresianum con un'ottima laurea e iniziò subito a studiare economia all'Università di Vienna, cosa che all'epoca era possibile solo come parte di una laurea in giurisprudenza. Schumpeter studiò con Friedrich von Wieser ed Eugen von Philippovich e dal 1904 con Eugen Böhm von Bawerk. Tra i suoi compagni di classe c'erano Ludwig von Mises, Emil Lederer, Félix Somary, Otto Bauer e Rudolf Hilferding. In questo modo acquisì familiarità non solo con la controversia metodologica tra Carl Menger e Gustav von Schmoller, ma anche con la controversia Böhm-Bawerk/Hilferding sulla teoria del valore e della distribuzione di Marx. Nell'estate del 1905, Schumpeter iniziò il Rigorosum di storia giuridica e scienze politiche fino all'inizio del 1906 e conseguì il dottorato nel febbraio 1906 come dottore in giurisprudenza. Ha poi frequentato il seminario di Schmoller a Berlino e ha trascorso un anno come ricercatore presso la London School of Economics e le università di Oxford e Cambridge. Alla fine del 1907 sposò Gladys Ricade Seaver, figlia di un alto dignitario della Chiesa anglicana. Nel 1907 Schumpeter prestò servizio presso la Corte Internazionale di Giustizia del Cairo, dove scrisse il suo lavoro metodologico The Essence and Main Content of Theoretical Economics, pubblicato nel 1908. In ottobre lo presentò alla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Vienna. come tesi di qualificazione per essere professore nel 1909. L'autunno successivo divenne professore associato all'Università di Chernivtsi, a quel tempo capitale della Bucovina, e lì scrisse La teoria dello sviluppo economico. Nel 1911 tornò a Graz come professore ordinario di economia politica all'Università Karl-Franzens; divenne il più giovane professore universitario della monarchia. La nomina a Graz giunse contro l'aspra resistenza di Richard Hildebrand (figlio del più noto Bruno Hildebrand), che, come repr