Ferma la legge sulla pirateria online

Article

June 28, 2022

Lo Stop Online Piracy Act, noto anche come SOPA Act o H.R. 3261; era un disegno di legge presentato alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti il ​​26 ottobre 2011 dal rappresentante Lamar S. Smith che mira ad espandere le capacità della legge statunitense di combattere il traffico di contenuti protetti da copyright e le merci contraffatte su Internet.[Nota 1] Le disposizioni del progetto comprendono la richiesta di un'ingiunzione del tribunale per il blocco delle reti pubblicitarie e di pagamento che forniscono i profitti del sito incriminato e il blocco dei risultati che portano al sito attraverso i motori di ricerca. Include anche la possibilità di ottenere un'ingiunzione del tribunale affinché i provider Internet blocchino l'accesso al sito incriminato. La legge potrebbe estendere le leggi penali esistenti, incluso lo streaming di materiale protetto da copyright come atteggiamento che può essere penalizzato; e l'imposizione di una pena fino a cinque anni di reclusione. Coloro che propongono la legge sostengono che proteggerebbe il mercato della proprietà intellettuale e la sua industria corrispondente, i posti di lavoro e i benefici, e che è necessario rafforzare le leggi attuali, rendendole più forti, poiché le leggi attuali presentano difetti, ad esempio, quando coprono situazioni in cui i siti in violazione si trovano al di fuori degli Stati Uniti. Gli oppositori affermano che la proposta di legge minaccia la libertà di espressione, gli investimenti e l'innovazione su Internet, poiché autorizza la magistratura a bloccare l'accesso a un intero dominio per una singola violazione su una singola pagina web. Alcuni oppositori hanno espresso crescente preoccupazione per il fatto che la legge possa annullare la protezione del "porto sicuro" attualmente offerta dal Digital Millennium Copyright Act per i siti che offrono contenuti generati dagli utenti. Le associazioni di biblioteche hanno espresso preoccupazione per il fatto che l'enfasi della legge sul diritto d'autore possa esporre le biblioteche a procedimenti legali. Infine, un ultimo gruppo di oppositori ritiene che l'obbligo per i motori di ricerca di eliminare i domini offensivi potrebbe portare a una corsa agli armamenti di censura globale e che violi il Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti. Il 18 gennaio 2012, l'edizione inglese di Wikipedia, Reddit e circa 7.000 siti Web più piccoli hanno coordinato un'azione di protesta che includeva la chiusura dei servizi, la visualizzazione di immagini censurate e il collegamento a pagine che spiegavano le leggi SOPA e PIPA e le loro possibili conseguenze. Sono state organizzate anche altre misure di protesta, tra cui la fornitura di link per contattare il Congresso e il Senato degli Stati Uniti, la firma di Atti di petizione, (tra cui spicca quello di Google, che afferma di aver ottenuto 7 milioni di firme) , boicottaggi di aziende che sostengono la legislazione e incontri di protesta in varie città. Si stima che più di 160 milioni di persone abbiano visto l'annuncio di Wikipedia. In risposta a queste azioni di protesta, la RIAA ha stabilito: "È una cosa pericolosa e preoccupante quando le piattaforme che fungono da gateway per le informazioni distorcono intenzionalmente i fatti per incitare i propri utenti armandoli di quella disinformazione..." e "è molto difficile contrastare la disinformazione quando le emittenti sono anche proprietarie della piattaforma di trasmissione». Un gruppo di legislatori contrari alla legge ha proposto un progetto alternativo chiamato Online Protection and Enforcement of Digital Trade Act (OPEN).[1][2]​ Il 20 gennaio 2012 il presidente della Commissione Giustizia della Camera, Lamar Smith, ha rinviato i piani per lo sviluppo del progetto, deci