Socrate

Article

August 17, 2022

Socrate (in greco antico, Σωκράτης, Sōkrátēs; Alopece, Atene, 470 a.C. - ib., 399 a.C.) [1] [2] [3] [4] è stato un filosofo greco classico considerato uno dei più grandi, sia in Occidente che in filosofia universale. Fu il maestro di Platone, che ebbe come discepolo Aristotele, questi tre rappresentanti fondamentali della filosofia dell'antica Grecia. Altri suoi discepoli sono Antistene, Aristippo ed Eschine. Non ci sono prove che Socrate abbia pubblicato nessuno dei suoi scritti. I dettagli della sua vita sono noti da tre fonti contemporanee: i dialoghi di Platone, le opere di Aristofane e i dialoghi di Senofonte. I resoconti più completi di Socrate che sono sopravvissuti dall'antichità si trovano nei dialoghi di Platone. Tuttavia, rimangono domande sulla distinzione tra il Socrate nella vita reale e la rappresentazione platonica di Socrate. Ha trascorso gran parte della sua vita a creare discussioni con tutti ad Atene, cercando di determinare se qualcuno avesse idea di cosa stesse parlando, specialmente quando l'argomento era importante, come la giustizia, la bellezza o la verità. Non ha lasciato alcuno scritto, ma ha ispirato molti discepoli. Nella sua vecchiaia, divenne il centro dell'ostilità di molti in città che vedevano i sofisti e la filosofia come distruttori della pietà e della morale della città; e fu condannato e giustiziato nel 399 a. C. Socrate è una figura di primo piano nella trasformazione della filosofia greca in un progetto continuo e unitario. È considerato il padre della filosofia politica, dell'etica ed è la fonte principale di tutti i temi importanti della filosofia occidentale in generale; Forse il suo contributo più importante al pensiero occidentale è la sua modalità di indagine dialettica, nota come metodo socratico o "cast", che ha applicato all'esame di concetti morali chiave come il bene e la giustizia. La storiografia tradizionale divide il gruppo dei pensatori prima di Socrate (con l'eccezione di Democrito) come "pre-socratici", e quelli influenzati da Socrate in "socratici maggiori" (Platone e Aristotele) e "socratici minori" (megarici, cinici e Cirenaici).[5]

Biografia

Primi anni

Nacque ad Atene, dove visse negli ultimi due terzi del V secolo a.C. C., [1] [2] [3] il periodo più splendido della storia della sua città natale, e di tutta l'antica Grecia. Era figlio di Sofronisco, scalpellino di professione, motivo per cui in gioventù fu chiamato Σωκράτης Σωφρονίσκου (Sōkrátēs Sōfronískou, 'Socrate figlio di Sofronisco'), e di Fenáreta, levatrice, imparentata con Aristide il Giusto.[6] [7] [8] Secondo Plutarco, quando nacque Socrate, suo padre ricevette dall'oracolo il consiglio di far crescere il figlio al proprio ritmo, senza opporsi alla sua volontà o reprimere i suoi impulsi.[9] [10] Tuttavia, né Senofonte né Platone lo menzionano. intervento dell'oracolo, il che fa pensare che possa trattarsi di una tradizione popolare molto più tarda.[9]

Istruzione

Ha ricevuto un'educazione tradizionale: letteratura, musica e ginnastica. In seguito conobbe la dialettica e la retorica dei sofisti. Dapprima Socrate seguì l'opera del padre; fece una serie di statue delle tre Grazie, che si trovavano all'ingresso dell'Acropoli fino al II secolo a.C. C. [11] Suo maestro fu il filosofo Arquelao che lo introdusse alle sue riflessioni su fisica e morale.[12]

Matrimonio

Sposò Xantipa (o Xantipa), che era di nobile famiglia.[13] Secondo un'antica tradizione, trattò molto male il filosofo, sebbene in realtà Platone mostri, quando narra la morte di Socrate nel Fedone, un normale e anche bene tra i due. Pol life