Nuova Zelanda

Article

May 29, 2022

La Nuova Zelanda [n 1] (in inglese: New Zealand; in Maori: Aotearoa ‘terra della grande nuvola bianca’) [5] è un paese dell'Oceania, situato nell'Oceano Pacifico sudoccidentale, costituito in una monarchia parlamentare. È composta da due grandi isole: l'Isola del Nord e l'Isola del Sud, insieme a un gran numero di isole minori, tra cui l'Isola di Stewart e le Isole Chatham. Il Regno di Nuova Zelanda comprende anche le Isole Cook e Niue (stati autonomi in libera associazione), l'arcipelago Tokelau e la dipendenza di Ross Antarctic. La capitale della Nuova Zelanda è la città di Wellington, situata sull'Isola del Nord. La Nuova Zelanda, nota per il suo isolamento geografico, si trova a circa 2.000 chilometri a sud-est dell'Australia nel Mar di Tasman, e i suoi vicini più vicini a nord sono la Nuova Caledonia, le Fiji e Tonga. A causa di questo lungo isolamento, nel paese si è sviluppata una fauna endemica dominata dagli uccelli, molti dei quali si sono estinti dopo l'arrivo degli umani e dei mammiferi che hanno introdotto senza alcun controllo.[6] La maggior parte della popolazione della Nuova Zelanda è di origine europea ; gli indigeni Maori sono la minoranza più numerosa.[7] Anche asiatici e polinesiani sono minoranze significative, specialmente nelle aree urbane. Sebbene abbia tre lingue ufficiali, di gran lunga la più parlata è l'inglese.[8] Elisabetta II, in quanto regina della Nuova Zelanda, è il capo di stato del paese ed è rappresentata da un governatore generale, [9] mentre il potere esecutivo è esercitato dal governo e dal primo ministro. Le sue città sono tra le migliori al mondo per la qualità della vita. La Nuova Zelanda è un paese sviluppato che si colloca ai primi posti delle classifiche internazionali su molte questioni, tra cui l'assenza di corruzione, il livello di istruzione e la libertà economica, [10] e si distingue anche nel suo indice di sviluppo umano, che lo colloca nel tredicesimo posto al mondo nel 2016, e i suoi indici di democrazia, che lo collocano nella stragrande maggioranza delle pubblicazioni e degli studi importanti come il Paese più libero e con il maggior rispetto dei diritti civili al mondo.[4]

Etimologia

I Maori si riferiscono all'Isola del Nord come Te Ika-a-Māui (il pesce Maui) e all'Isola del Sud come Te wai pounamu (le acque di pietra verde) o Te Waka o Aoraki (la canoa di Aoraki).[11] Fino all'inizio del XX secolo , l'Isola del Nord era anche conosciuta come Aotearoa (colloquialmente tradotto come 'terra della grande nuvola bianca'); [5] in Maori moderno, questo nome si riferisce all'intero paese. Aotearoa è anche usato in questo senso nell'inglese neozelandese, dove può essere usato da solo o combinato con il nome inglese, Aotearoa New Zealand. Il primo nome europeo della Nuova Zelanda fu Staaten Land, nome dato dall'esploratore olandese Abel Tasman, che nel 1642 divenne il primo europeo a vedere le isole. Tasman presumeva che facesse parte del "continente meridionale" scoperto da Jacob Le Maire nel 1615, al largo della punta meridionale del Sud America. Questo era stato anche chiamato Staten Landt, che significa "terra degli Stati Generali (olandesi)".[12] [13] Il nome Nuova Zelanda ha origine dai cartografi olandesi, che chiamarono queste isole Nova Zeelandia, in onore della provincia olandese della Zelanda, (in spagnolo, Zelanda).[13] Non è chiaro esattamente chi abbia coniato il termine "Nuova Zelanda", ma è apparso per la prima volta nel 1645 e potrebbe essere stato scelto dal cartografo Joan Blaeu.[14] In spagnolo, i nomi "Nuova Zelanda" (usati in Spagna e Messico) e "Nuova Zelanda" (più usati nella maggior parte dell'America Latina ) hanno la stessa validità.[15] [nota 1]

Storia

Insediamenti polinesiani

La Nuova Zelanda fu uno dei territori successivi