Legge di Linus

Article

June 25, 2022

Ci sono due affermazioni che sono state chiamate legge di Linus, riferendosi alle affermazioni fatte da Linus Torvalds, un ingegnere del software finlandese, creatore del kernel Linux. Il primo si riferisce alla capacità di trovare bug quando si apre un programma alla comunità e il secondo alla motivazione per lo sviluppo open source.

Legge per trovare errori

Linus Torvalds dichiarazione che dice: Fu battezzata da Eric S. Raymond come legge di Linus. Ogni problema dovrebbe essere trasparente a qualcuno. Le persone che capiscono e quelle che risolvono un problema non devono necessariamente essere le stesse, anche nella maggior parte dei casi. Secondo Linus Torvalds: "Qualcuno trova il problema e qualcun altro lo risolve". Ma il punto è che entrambe le cose tendono ad accadere molto rapidamente.

La legge di Linus secondo Eric S. Raymond

Eric S. Raymond sostiene che, se la legge di Linus fosse falsa, allora qualsiasi sistema sufficientemente complesso come il kernel Linux, che viene manipolato da così tanti, avrebbe dovuto crollare sotto il peso di interazioni impreviste e di errori "molto profondi" involontari. Tuttavia, se è vero, allora basterebbe spiegare la relativa assenza di bug nel codice Linux, e dimostrare la superiorità, in termini di qualità del prodotto finale, del modello di sviluppo del software libero rispetto al modello tradizionale utilizzato per lo sviluppo di software proprietario.[1] Ecco una differenza essenziale tra i due stili. Nell'approccio utilizzato per sviluppare software proprietario, bug e problemi di sviluppo sono fenomeni profondi e complessi. Di solito ci vogliono mesi di revisione esauriente perché alcuni siano sicuri che i bug siano stati eliminati. Ecco perché ci sono intervalli così lunghi tra ogni versione che viene rilasciata e l'inevitabile disincanto quando queste versioni tanto attese non sono perfette.[1] Nell'approccio utilizzato per sviluppare software libero si presume che i bug siano fenomeni relativamente ovvi, o almeno che possano diventare relativamente ovvi quando vengono mostrati a migliaia di sviluppatori entusiasti che collaborano a ciascuna release. Pertanto, viene rilasciato frequentemente per ottenere più correzioni in meno tempo.[1] Più utenti rilevano più bug perché hanno modi diversi di valutare il programma. Questo effetto aumenta quando gli utenti sono assistenti agli sviluppatori. Ciascuno affronta il compito di caratterizzazione degli errori con diversi strumenti analitici, da una diversa angolazione.[1] Pertanto, l'aggiunta di più beta-tester potrebbe contribuire non tanto a ridurre la complessità dei bug "più profondi" attuali dal punto di vista dello sviluppatore, quanto piuttosto ad aumentare la probabilità che alcuni di loro vedano chiaramente il problema. può risolverlo.[1]​

Recensioni

Alcuni studi hanno analizzato e criticato la legge di Linus. Gli esperti di sviluppo software Robert Glass, Michael Howard e David LeBlanc hanno stabilito che l'applicazione della legge di Linus può portare a problemi di sicurezza e manutenzione del software,[2][3] per i quali citano il numero relativamente basso di contributi fatti per aprire- progetti di origine da "esterni": ​​dove "esterni" sono contributori che non appartengono al piccolo nucleo di sviluppatori che lavorano al progetto. Questo è il risultato diretto della cura necessaria che gli sviluppatori devono avere nella creazione di un ambiente e nella comprensione di un pezzo di codice prima di potervi contribuire efficacemente. Alcuni progetti tendono a diffidare dei contributi esterni, temendo che possano tentare di creare bug o falle di sicurezza difficili da trovare, e quindi quei progetti creano