La Guajira

Article

July 1, 2022

La Guajira (in Wayuunaiki: Wajiira) è uno dei trentadue dipartimenti che, insieme a Bogotá, Distretto della Capitale, formano la Repubblica di Colombia. La sua capitale è Riohacha. Si trova nell'estremo nord-est del paese, nella regione dei Caraibi, confina a nord e ad est con il Mar dei Caraibi (Oceano Atlantico), a sud-est con il Venezuela, a sud con il dipartimento di Cesar e ad ovest di Maddalena.[7] ] Il suo territorio è costituito dalla penisola di La Guajira, al centro da una bassa pianura; ea sud con parti della Sierra Nevada, la catena montuosa del Perijá e la pianura alluvionale dei fiumi Ranchería e Cesar. È composto da 15 comuni. Dagli anni '70 è stato un punto di arrivo per i movimenti di popolazione e l'immigrazione dai paesi del Medio Oriente, un fatto che ha causato un'accelerazione della crescita demografica che a sua volta genera ricchezza demografica. Nel suo territorio sono presenti tre parchi naturali, cinque popolazioni indigene e una numerosa comunità araba che ha svolto un ruolo trascendentale nella sua economia. Nelle sue caratteristiche climatologiche si distingue per avere tutti i piani termali della zona intertropicale con temperature medie comprese tra 22 e 40 °C —meno di mille metri di altezza dei rilievi—. Nelle sue caratteristiche ecologiche costituisce varietà di ecosistemi terrestri, tra i più predominanti vi sono il deserto (vedi Deserto del Guajiro), la foresta di montagna secca e umida. Nelle sue caratteristiche idrologiche presenta depositi d'acqua come pozzi acquiferi e lagune o jagüeyes che riforniscono il consumo delle comunità. Come fiumi principali sono il Ranchería e il Cesar, altri più brevi, il Jerez, l'Ancho e il Palomino; anche i torrenti attraversano il suo territorio, tra cui il Carraipía e il Paraguachón. Nei suoi aspetti culturali si distingue nel condividere di essere la culla del vallenato insieme a Cesar, si distingue anche per essere il luogo di origine di cantanti e compositori del genere musicale. Nel turismo custodisce luoghi esotici molto attraenti. Economicamente è un dipartimento che ha potenzialità energetiche nella produzione di energia elettrica —che non è stata sfruttata—, nello sfruttamento dell'irraggiamento solare, degli alisei di nord-est, termoelettrico e idroelettrico; e gas naturale.

Toponomastica

Il nome dipartimentale "La Guajira" deriva dall'omonima penisola, che copre un terzo del territorio di questo dipartimento e l'estremo nord dello stato venezuelano di Zulia. Nella lingua Wayuunaiki, il nome Wajiira, Woumain o Wajiiramuin è usato nel suo contesto etnico, che si traduce come "La nostra terra" ed è un'approssimazione del nome in spagnolo. Nelle lingue Arhuaco, Damana, Kabbagga e Kankuamo è chiamato nel suo contesto etnico con il nome Shi Mukshi, che si traduce come "Linea Nera" o in figura retorica "Margine (confine) del Nostro Territorio". In questo contesto multietnico non c'erano davvero confini che delimitassero i territori indigeni.

Simbologia

Araldica Si compone di uno stemma con quattro quarti quasi disuguali, ricamato con perle. La sezione di sinistra ha uno sfondo verde con un castello che ricorda una torre, la sezione di destra ha uno sfondo d'argento dove si trova alla punta una spada a doppio taglio attraversata da due frecce parallele in direzioni opposte. Nelle sezioni inferiori sul lato destro c'è un sole con lampi di luce su fondo verde; sul lato opposto uno sfondo argentato, un paesaggio rappresentativo, a sinistra una catena montuosa e a destra una pianura con 2 tipici cespugli di cactus Lo scudo fu adottato il 29 novembre 1966 e modificato due volte. Bandiera È costituito da due strisce orizzontali di uguale distribuzione, e costituito dai colori verde (striscia inferiore) e bianco (striscia superiore). È stato utilizzato in modo ufficiale e rappresentativo dal 29 settembre 1877. Inno L'inno a La Guajir