Uccidili tutti

Article

May 19, 2022

Kill 'Em All è il primo album in studio della band thrash metal americana Metallica, pubblicato il 25 luglio 1983 tramite Megaforce Records in Nord America e Vertigo Records in Europa. Il gruppo iniziò a suonare nei club di Los Angeles e decise di registrare diversi demo per attirare l'attenzione dei loro proprietari; si trasferirono a San Francisco per assicurarsi i servizi del bassista Cliff Burton. Il demo tape del gruppo No Life 'til Leather (1982) è stato notato dal direttore dell'etichetta Megaforce Jon Zazula, che li ha firmati e ha fornito un budget di $ 15.000 per la registrazione. L'album è stato registrato nel maggio 1983 con il produttore Paul Curcio ai Music America Studios di Rochester, New York. Originariamente doveva essere intitolato "Metal Up Your Ass", con una copertina che mostrava una mano che afferra un pugnale che emerge da una tazza del water. Alla band è stato chiesto di cambiare nome, poiché i distributori pensavano che pubblicare un album con un titolo e un'opera d'arte così offensivi avrebbe ridotto le sue possibilità di successo commerciale. I Metallica hanno promosso l'album durante il loro tour di due mesi Kill 'Em All for One negli Stati Uniti con la band inglese Raven. Nell'album sono stati inclusi due singoli: "Whiplash" e "Jump in the Fire". Non è entrato nella Billboard 200 fino al 1986, quando ha raggiunto la posizione numero 155 dopo aver pubblicato il suo terzo album in studio, Master of Puppets; la ristampa Elektra Records del 1988 ha raggiunto la posizione numero 120. Kill 'Em All ha ricevuto il plauso della critica al momento dell'uscita e da allora è stato considerato un lavoro rivoluzionario nel sottogenere thrash metal. . L'approccio musicale e i testi dell'album erano nettamente diversi dal rock mainstream dei primi anni '80 e hanno ispirato diverse band che si sono succedute in modo simile. La Recording Industry Association of America (RIAA) gli ha certificato tre dischi di platino nel 1999 per la spedizione di tre milioni di copie negli Stati Uniti.

Contesto e produzione

Il batterista Lars Ulrich e il cantante e chitarrista ritmico James Hetfield hanno fondato i Metallica nel 1981 a Los Angeles. Prima di stabilire una formazione definitiva, il proprietario della Metal Blade Records Brian Slagel ha chiesto ai Metallica di registrare una canzone per la prima edizione della loro compilation Metal Massacre. Hetfield e Ulrich hanno scelto "Hit the Lights" - dei Leather Charm, la precedente band di Hetfield - e il primo ha fornito la sua voce, mentre il suo amico d'infanzia Ron McGovney era al basso e Lloyd Grant alla chitarra.[1] La prima formazione della band comprendeva Hetfield, Ulrich, McGovney e il chitarrista Dave Mustaine, acquisiti tramite un annuncio su un giornale. Il gruppo si è esercitato nel garage di McGovney e ha cercato concerti nei club locali; Il primo spettacolo dei Metallica fu prodotto il 14 marzo 1982 all'Anaheim's Radio City [1] Il repertorio di nove tracce consisteva in due originali, "Hit the Lights" e una versione incompiuta di "Jump in the Lights". ex band Panic), e le esibizioni di gruppi heavy metal britannici new wave come Diamond Head, Blitzkrieg, Savage e Sweet Savage. Il concerto non andò come previsto, poiché Mustaine ebbe problemi con il pedale di distorsione della chitarra e si ruppe una corda durante una canzone.[1] Il secondo recital dei Metallica ebbe luogo il 27 marzo 1982, all'Hollywood Whisky a Go Go, atto di apertura per Saxon. Sebbene i Mötley Crüe fossero originariamente programmati per aprire lo spettacolo, il gruppo ha annullato l'accordo a causa della loro crescente popolarità. I Metallica hanno registrato un demo di tre canzoni per convincere la direzione del locale a consentire alla band di aprire per i Saxon. Al terzo concerto dei Metallica, ad aprile