ingegneria

Article

June 26, 2022

L'ingegneria è l'uso di principi scientifici per progettare e costruire macchine, strutture e altre entità, inclusi ponti, tunnel, strade, veicoli, edifici,[1] sistemi e processi. Approfitta dell'accumulo di conoscenze tecnologiche per l'innovazione, l'invenzione, lo sviluppo e il miglioramento di tecniche e strumenti per soddisfare i bisogni e risolvere problemi tecnici sia delle persone che della società. L'ingegnere è supportato dalle scienze di base (matematica, fisica, chimica, biologia, scienze economiche e amministrative, scienze ingegneristiche, ingegneria applicata) sia per lo sviluppo delle tecnologie, sia per la gestione efficiente e produttiva delle risorse e delle forze della natura per il beneficio della società. L'ingegneria è un'attività che trasforma la conoscenza in qualcosa di pratico. L'ingegneria applica le conoscenze e i metodi scientifici all'invenzione o al miglioramento delle tecnologie in modo pragmatico e agile, adattandosi ai limiti di tempo, risorse, requisiti legali, requisiti di sicurezza ed ecologici, ecc. Il suo studio come campo di conoscenza è direttamente correlato all'inizio della rivoluzione industriale, costituendo una delle attività pilastri nello sviluppo delle società moderne. L'ingegneria è attualmente classificata in varie aree in base al suo campo di applicazione.

Definizione

L'ingegneria è una disciplina ampia e in una certa misura mutevole, poiché dipende in larga misura dal progresso tecnologico e dagli strumenti che gli ingegneri utilizzano; Inoltre, la formazione in ingegneria non è omogenea e la sua durata, tra l'altro, differisce a livello internazionale. Inoltre, l'ingegneria è in molti paesi una professione regolamentata e la cui istruzione formale deve essere adattata alle normative nazionali.

Storia

L'ingegneria esiste fin dai tempi antichi, quando gli esseri umani hanno inventato invenzioni come il cuneo, la leva, la ruota e la puleggia tra molte altre invenzioni. Il termine ingegneria deriva dalla parola ingegnere, che a sua volta risale al XIV secolo quando un ingegnere (letteralmente, colui che costruisce o aziona una macchina d'assedio) si riferiva a "un costruttore di macchine militari". [2] In questo contesto ormai obsoleto, un "motore" si riferiva a una macchina militare, cioè un aggeggio meccanico usato in guerra (ad esempio una catapulta). Esempi notevoli di utilizzo obsoleto che sono sopravvissuti fino ad oggi sono il corpo degli ingegneri militari, ad esempio il Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti. La stessa parola "motore" è di origine ancora più antica, derivata in ultima analisi dal latino ingenium (c. 1250), che significa "qualità innata, soprattutto potere mentale, quindi un'invenzione intelligente".[3] Successivamente, con la maturazione della progettazione di strutture civili, come ponti ed edifici come disciplina tecnica, il termine ingegneria civile[4] è entrato nel lessico per distinguere tra coloro che si specializzano nella costruzione di tali progetti non militari e coloro che si occupano della disciplina dell'ingegneria militare.

Era antica

Le piramidi nell'antico Egitto, le ziggurat in Mesopotamia, l'Acropoli e il Partenone in Grecia, gli acquedotti romani, la Via Appia e il Colosseo, Teotihuacan e il tempio Brihadeeswarar di Thanjavur, tra le molte altre strutture, spiccano come testimonianza dell'inventiva e perizia degli ingegneri civili e militari dell'antichità. Altri monumenti o strutture, che non esistono più, come i giardini pensili di Babilonia e il faro di Alessandria, furono importanti conquiste ingegneristiche del loro tempo e furono considerate tra le più grandi sette meraviglie del mondo antico. Le sei macchine semplici classiche erano conosciute nell'antico Vicino Oriente. il cuneo e