lingua russa

Article

July 1, 2022

La lingua russa (in russo, русский язык, romanizzazione russki yazyk, pronuncia [ˈruskʲɪj jɪˈzɨk]) è una lingua indoeuropea del ramo slavo orientale, è lingua ufficiale in Russia, Bielorussia, Kirghizistan, Kazakistan; ampiamente utilizzato nell'Ucraina orientale, essendo una lingua regionale riconosciuta in alcune regioni e città del sud e dell'est del paese, e nelle repubbliche separatiste dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud in Georgia; ampiamente utilizzato in Estonia e Lettonia (le cui popolazioni sono composte da un quarto a un terzo di lingua russa) e ufficiale di fatto in Transnistria (regione della Moldavia). Inoltre, è una delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite. È parlato anche da importanti settori della popolazione delle altre nazioni un tempo appartenenti all'Unione Sovietica. È la più parlata tra le lingue slave e, la settima tra tutte le lingue del mondo (per numero di parlanti nativi), essendo la quarta lingua più parlata al mondo tenendo conto dei parlanti totali.

Aspetti storici, sociali e culturali

Distribuzione geografica

Il russo è parlato principalmente in Russia, Bielorussia, Ucraina, Kazakistan, Kirghizistan e, in misura minore, negli altri paesi che componevano l'URSS e la Mongolia. Fino al 1917 era l'unica lingua ufficiale dell'Impero russo. Dal periodo sovietico, l'atteggiamento nei confronti delle lingue di altri gruppi etnici ha oscillato. Sebbene ciascuna delle repubbliche sovietiche avesse una propria lingua ufficiale, il più alto prestigio era riservato al russo. Dopo la disintegrazione nel 1991, le nuove nazioni indipendenti hanno promosso le loro lingue native. Ciò ha favorito una diminuzione della conoscenza del russo da parte di alcune nazioni, sebbene rimanga una lingua di scambio politico ed economico nella regione. In Lettonia, il suo riconoscimento ufficiale e la sua legalità in classe è stato un importante argomento di dibattito in un paese dove più di un terzo della popolazione parla russo, specialmente tra coloro che sono emigrati dalla RSFS russa, dalla SSR bielorussa e dalla SSR russa Ucraina dopo l'occupazione della Lettonia da parte dell'Unione Sovietica. Allo stesso modo, in Estonia gli immigrati dell'era sovietica ei loro discendenti costituiscono circa un quarto della popolazione attuale. Per quanto riguarda la Lituania, una popolazione di lingua russa molto più piccola è stata assimilata dopo l'indipendenza e attualmente rappresenta meno di un decimo della popolazione totale del paese. Tuttavia, a differenza dei paesi vicini, alla minoranza russa e ai russofoni lituani è garantito l'insegnamento delle lingue nel paese. Nel XX secolo, il russo veniva spesso insegnato nelle nazioni comuniste dell'ex Patto di Varsavia e in altri paesi satellite, come Polonia, Bulgaria e Cecoslovacchia. Tuttavia, le generazioni più giovani non lo dominano, poiché il russo non è obbligatorio nel loro sistema educativo. In Finlandia è parlato dalla minoranza russa residente nel Paese ed è molto diffuso nelle località situate vicino al confine con la Russia. Circa 750.000 immigrati ebrei dall'ex URSS vivono in Israele e la stampa israeliana pubblica spesso pubblicazioni in russo. Anche nel Nord America e nell'Europa occidentale ci sono centinaia di migliaia di persone di lingua russa. In generale, i discendenti degli emigranti perdono la loro lingua russa prima della quarta generazione. Le comunità di lingua russa nell'Europa occidentale sono circa 3 milioni. Precedentemente i discendenti degli emigranti russi tendevano a perdere la loro lingua nella terza generazione. Oggigiorno, data la facilità di viaggio e l'accesso alla TV e ai siti Web russi, è probabile che sopravviva più a lungo. Popolazione approssimativa di russofoni:

Ufficialità

Il russo è la lingua ufficiale della Russia e una delle lingue ufficiali di Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan, essendo co-ufficiale anche nel