Metalli pesanti

Article

July 3, 2022

L'heavy metal, o semplicemente metal (si pronuncia métal) [1] [2] [3] —in spagnolo tradotto letteralmente come “heavy metal”-, è un genere musicale che nasce tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Sessanta. nel Regno Unito e anche negli Stati Uniti, le cui origini provengono dal blues rock, dall'hard rock e dal rock psichedelico. Si caratterizza principalmente per le sue chitarre forti e distorte, i ritmi enfatici, i suoni di basso e batteria sono più densi del solito e la voce è generalmente acuta o gutturale. Ad oggi non esiste un consenso preciso che definisca quale sia stata la prima band heavy metal, alcuni citano Led Zeppelin [4] e Deep Purple, mentre altri lasciano quel posto esclusivamente ai Black Sabbath.[5] Nello stesso periodo, alla fine degli anni '60 e All'inizio degli anni '70 emersero molte band che, pur non avendo l'impatto mediatico di quelle sopra menzionate, furono anche di grande contributo alla nascita del genere come Blue Cheer, Blue Öyster Cult, Sir Lord Baltimore, Budgie, UFO e Wishbone Cenere; Gruppi successivi come Scorpions, Rainbow, Judas Priest (questi ultimi introdussero la combinazione della doppia cassa con ritmi veloci in sedicesimi di basso e chitarra, ed eliminarono le ultime influenze del blues) e Motörhead (che includevano alcuni elementi di punk rock, dandogli una nuova enfasi sull'aggressività e la velocità). Nella seconda metà degli anni settanta e all'apice del punk, emerse la New Wave dell'heavy metal britannico (comunemente abbreviato come NWOBHM) guidata da Iron Maiden, Saxon e Def Leppard e di cui l'influentissimo ex post Venom, [6] che diede un nuovo valore al genere portando alla nascita di una successiva sottocultura su entrambe le sponde dell'Atlantico (i NWOBHM influenzarono notevolmente l'emergere di nuove band americane come Manowar, Savatage o Queensrÿche alla fine di quel decennio). Con l'arrivo degli anni Ottanta cominciarono ad apparire i primi sottogeneri del metal; da un lato il glam metal (guidato da band come Europe, Bon Jovi, Van Halen, WASP, Whitesnake o Mötley Crue) che guidavano le vendite e le classifiche musicali dei principali mercati e dall'altro il metal estremo che proveniva dalla scena underground . Da quest'ultimo è emerso il thrash metal con ampia popolarità guidato dai cosiddetti "Big Four" americani (Metallica, Megadeth, Slayer e Anthrax) e con un impatto significativo in Germania (band emergenti come Kreator, Sodom, Destruction o Tankard) . Tuttavia, nel decennio successivo, tale successo commerciale declinò a causa dell'emergere di nuove sonorità alternative, principalmente grunge; Sebbene nell'Europa continentale, in Giappone e in America Latina, i sottogeneri come il power metal abbiano continuato ad essere popolari e esplosi (con band come Helloween, Blind Guardian, Gamma Ray, Stratovarius o Rhapsody in evidenza), allo stesso modo in cui altri sono emersi e hanno resistito commercialmente a livello globale nuovi sottogeneri, come il groove (Pantera) Con il nuovo millennio esistevano già un'infinità di sottogeneri, ognuno con caratteristiche specifiche e con influenze da altri stili come la musica classica, la musica industriale, il funk e il rap, ad esempio, che hanno ampliato la definizione di metal fino ad arrivare ai giorni nostri. A sua volta, la sua popolarità è aumentata negli ultimi anni principalmente in Europa, Stati Uniti, America Latina e Giappone. La musica metal ha un'accettazione più favorevole nei paesi nordici che in altre regioni a causa dell'apertura sociale e politica in queste regioni; [7] in particolare la Finlandia è stata spesso chiamata la "Terra Promessa dell'Heavy Metal", perché oggi in Today ci sono più di 50 gruppi metal ogni 100.000 abitanti, più di ogni altra nazione al mondo.[8] [9]

Etimologia

Fino ad oggi l'origine e