Farmacologia

Article

June 27, 2022

La farmacologia (dal greco pharmacon (φάρμακον), drug and logos (λόγος), scienza)[1] è la branca delle scienze farmaceutiche che ne studia la storia, l'origine, le proprietà biofisicochimiche, la presentazione, gli effetti fisiologici, i meccanismi d'azione, l'assorbimento , distribuzione, biotrasformazione, escrezione e uso terapeutico, tra le altre attività biologiche, di sostanze chimiche che interagiscono con gli organismi viventi. La farmacologia studia come il farmaco interagisce con l'organismo, le sue azioni, effetti e proprietà.[2] In senso stretto, la farmacologia è considerata come lo studio dei farmaci, indipendentemente dal fatto che abbiano effetti benefici o tossici. La farmacologia ha applicazioni cliniche quando le sostanze vengono utilizzate nella diagnosi, prevenzione e trattamento di una malattia o per alleviare i suoi sintomi.

Storia

Le origini della farmacologia clinica risalgono al Medioevo, con la farmacognosia e il canone di medicina di Avicenna, il Commento a Isacco di Pedro de España e il Commento all'Antedotario di Nicola di Juan de San Amand. La prima farmacologia si concentrava sull'erboristeria e sulle sostanze naturali, principalmente estratti vegetali. Le medicine venivano raccolte in libri chiamati farmacopea. Le droghe grezze sono state utilizzate fin dalla preistoria come preparazione di sostanze di origine naturale. Tuttavia, il principio attivo delle droghe grezze non viene purificato e la sostanza viene adulterata con altre sostanze. La medicina tradizionale varia tra le culture e può essere specifica per una cultura particolare, come nella medicina tradizionale cinese, mongola, tibetana e coreana. Tuttavia, gran parte di questo è stato considerato una pseudoscienza. Le sostanze farmacologiche note come enteogeni possono avere un uso spirituale e religioso e un contesto storico. Nel XVII secolo, il medico inglese Nicholas Culpeper tradusse e utilizzò testi farmacologici, in cui descriveva in dettaglio le piante e le condizioni che potevano curare. Nel 18° secolo, gran parte della farmacologia clinica è stata fondata dal lavoro di William Withering. La farmacologia come disciplina scientifica non avanzò ulteriormente fino alla metà dell'Ottocento, nel pieno della grande rinascita biomedica di quel periodo. Prima della seconda metà del diciannovesimo secolo, la notevole potenza e specificità di farmaci come la morfina e il chinino erano spiegate vagamente e con riferimento a straordinari poteri chimici e affinità con determinati organi o tessuti. Il primo dipartimento di farmacologia fu creato da Rudolf Buchheim nel 1847, in riconoscimento della necessità di capire come i farmaci e i veleni terapeutici producono i loro effetti. Successivamente, il primo dipartimento di farmacologia in Inghilterra fu creato nel 1905 presso l'University College di Londra. La farmacologia si sviluppò nel XIX secolo come scienza biomedica che applicava i principi della sperimentazione scientifica ai contesti terapeutici. Il progresso delle tecniche di ricerca ha potenziato la ricerca farmacologica e la sua comprensione. Lo sviluppo della preparazione del bagno d'organo, in cui i campioni di tessuto sono attaccati a dispositivi di registrazione (come un miografo) e le risposte fisiologiche vengono registrate dopo l'applicazione del farmaco, ha consentito l'analisi degli effetti dei farmaci sugli organi e sui tessuti. Lo sviluppo del test di legame del ligando nel 1945 ha consentito la quantificazione dell'affinità di legame dei farmaci sui bersagli chimici. I farmacologi moderni utilizzano tecniche di genetica, biologia molecolare, biochimica e altri strumenti avanzati per trasformare le informazioni sui meccanismi molecolari e gli obiettivi in ​​terapie mirate contro malattie, difetti o agenti patogeni e per creare approcci alla cura.