Europa

Article

July 3, 2022

L'Europa è uno dei continenti che compongono il supercontinente eurasiatico, situato tra i paralleli 35º 30 'e 70º 30' di latitudine nord. Convenzionalmente e per ragioni storico-culturali è considerato un continente, dopo la delimitazione operata dal geografo russo Vasili Tatíshchev che volle indicare l'appartenenza della Russia all'Europa e all'Asia.[1] I confini dell'Europa e della sua popolazione sono controversi, poiché il termine continente può riferirsi a un bene culturale e politico oa distinzioni fisiografiche. La definizione più diffusa è quella che lo colloca nella metà occidentale dell'emisfero settentrionale, limitato dall'Oceano Artico a nord al Mar Mediterraneo a sud. A ovest raggiunge l'Oceano Atlantico. A est confina con l'Asia, dalla quale è separato dai monti Urali, dal fiume Ural, dal Mar Caspio, dalle montagne del Caucaso, dal Mar Nero e dallo stretto del Bosforo e dei Dardanelli.[2] L'Europa è il secondo continente più piccolo in termini di superficie. Copre 10.530.751 chilometri quadrati o il 2% della superficie mondiale e circa il 6,8% della superficie totale. Ospita un gran numero di stati sovrani, il cui numero esatto dipende dalla definizione del confine dell'Europa, nonché dall'esclusione o dall'inclusione di stati parzialmente riconosciuti. Di tutti i paesi europei, la Russia è il più grande per estensione (è allo stesso tempo lo Stato sovrano internazionalmente riconosciuto più esteso del mondo), mentre Città del Vaticano è il più piccolo (è allo stesso tempo lo Stato sovrano e riconosciuto a livello internazionale più piccolo del mondo). L'Europa è il quarto continente più popoloso dopo Asia, Africa e America, con una popolazione di 740 813 959 (anno 2015) o circa il 10,03% della popolazione mondiale.[3] L'Europa, in particolare l'antica Grecia, è la culla della cultura occidentale. La caduta dell'Impero Romano d'Occidente, durante il periodo delle migrazioni, segnò la fine della Vecchiaia e l'inizio di un'era nota come Medioevo. Il Rinascimento con il conseguente umanesimo, arte e scienza, oltre all'esplorazione, ha portato il "vecchio continente", e infine il resto del mondo, all'Età Moderna. Da questo periodo in poi, le nazioni europee hanno svolto un ruolo di primo piano negli affari mondiali, dal XVI secolo in poi, soprattutto dopo l'inizio della colonizzazione. Nel XVII e XVIII secolo, le nazioni europee controllavano la maggior parte dell'Africa, dell'America e di gran parte dell'Asia, e successivamente anche dell'Oceania. La Rivoluzione Industriale, iniziata nel Regno Unito nel XVIII secolo, ha determinato un cambiamento radicale nelle sfere economica, culturale e sociale nell'Europa occidentale e, successivamente, nel resto del mondo. La prima e la seconda guerra mondiale portarono a un declino del dominio dell'Europa negli affari mondiali mentre gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica avevano la precedenza. La guerra fredda tra le due superpotenze divise l'Europa lungo la cortina di ferro. L'integrazione europea ha portato alla formazione del Consiglio d'Europa e dell'Unione europea nell'Europa occidentale, entrambi i quali si sono espansi verso est dalla caduta dell'Unione Sovietica nel 1991. Attualmente, le nazioni che esercitano un potere egemonico mondiale come gli Stati Uniti sono il risultato della colonizzazione europea.

Definizione

Il termine Europa ha vari usi, i principali sono di natura geografica e politica. Geograficamente, l'Europa è la penisola più occidentale dell'Eurasia; delimitata a nord, ovest e sud dall'Oceano Atlantico, dal Mar Baltico, dal Mare del Nord, dal Mar Mediterraneo, dal Mar di Marmara, dal Mar Egeo, dal Mar Adriatico, dal Mar Tirreno e dal Mar Nero e ad est dal Monti Urali, il fiume Ural, il Mar Caspio e le montagne del Caucaso. L'U