Elektra Records

Article

May 24, 2022

Elektra Records è un'etichetta discografica britannica di proprietà del Warner Music Group, fondata nel 1950 da Jac Holzman e Paul Rickolt [1] Ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della musica folk e rock contemporanea tra gli anni '50 e '70. Nel 2004, è stata consolidata in WMG Atlantic Records Group. Dopo cinque anni di inattività, l'etichetta è stata ripresa come marchio atlantico nel 2009. A partire da ottobre 2018, Elektra si è separata dall'ombrello dell'Atlantic Records e si è riorganizzata in Elektra Music Group, operando ancora una volta come etichetta indipendente dalla Warner Music in prima linea.

Storia

Inizi

Elektra è stata fondata nel 1949 da Jac Holzman e Paul Rickholt, contribuendo con £ 300 ciascuno.[2] L'ortografia corretta del personaggio della mitologia greca Electra è stata modificata da Holzman aggiungendo, con le sue stesse parole, "la" K "che mancava ». Il primo album, pubblicato sotto l'etichetta Elektra Records, "New Songs" (EKLP 1, pubblicato nel marzo 1950), fu una compilation di lieder che vendette poche copie. musica, pubblicando diversi album bestseller di artisti come Judy Collins, Phil Ochs e Tom Paxton, [3] ma a metà degli anni '60 passò al pop e al rock, ottenendo grande successo nel panorama musicale per essere stato uno dei primi etichette per assumere artisti dalla prima ondata di rock psichedelico del 1966 e 1967. [2] Gli acquisti più importanti dell'etichetta furono la band di Chicago Paul Butterfield Blues Band (con Mike Bloomfield), le band di Detroit The Stooges e MC5 e gli Angelenos Love e The Doors.[3] Da notare che proprio i californiani The Doors ottennero il primo disco d'oro alla Elektra Records con il singolo della loro canzone Light My Fire, dal suo album omonimo. Nel 1966 la società iniziò anche la pubblicazione, presso la sua controllata Nonesuch Records, della Nonesuch Explorer Series, una delle prime compilation di quella che oggi è conosciuta come world music. Parti di varie registrazioni di questa affiliata furono successivamente incluse nei due dischi d'oro Voyager che furono inviati nello spazio nel 1977 a bordo delle navicelle Voyager 1 e Voyager 2.

Fusione con Asylum Records

Elektra è stata acquisita dalla società Kinney National nel 1970, insieme alla sua controllata Nonesuch Records. Poco dopo, la Kinney Company consolidò la sua holding discografica sotto la Warner Communications Company. Holzman ha continuato a gestire Elektra fino al 1972, quando si è fusa con Asylum Records ed è stata ribattezzata Elektra / Asylum Records, con il fondatore di Asylum David Geffen in carica. Holzman è stato nominato vicepresidente e ha fondato la Discovery Records. Sebbene all'inizio usassero il nome formale della società, "Elektra / Asylum Records", con il passare degli anni informalmente si chiamarono Elektra Records, con Asylum che operava come sussidiaria. Nel 1975, Geffen lasciò l'incarico a causa di problemi di salute. Bob Krasnow divenne il nuovo presidente e amministratore delegato nel 1983. Fu sotto la guida di Krasnow che Elektra assunse, grazie a un semplice impiegato, Tom Zutaut, una delle band di maggior successo degli anni '80, gli Angelenos Mötley Crüe, per la ristampa del loro primo album, Too Fast For Love e i loro lavori successivi.

Gruppo di intrattenimento Elektra

Nel 1988 la società ha cambiato nome ufficiale in Elektra Entertainment. Krasnow è stato sostituito nella gestione della società nel 1994. La sua posizione è stata occupata da Sylvia Rhone. Nello stesso anno, l'etichetta divenne Elektra Entertainment Group. Durante questo periodo, Elektra ha raggiunto un accordo con l'etichetta britannica 4AD, diventando il distributore per il Nord America dei suoi artisti, tra cui Pixies, The Breeders, Frank Black e The Amps. Ciò ha portato alla controllata di Elektra, Warner