Edimburgo

Article

May 29, 2022

Edimburgo (Edinburgh /ˈɛdɪnb(ʌ)ɹə/ in inglese e scozzese; gaelico scozzese: Dùn Èideann) è la capitale e una contea della Scozia (Regno Unito).[2][3] È la seconda città più grande della Scozia dopo Glasgow . Situata sulla costa orientale della Scozia, sulle rive del fiordo del fiume Forth e nell'autorità locale unitaria della città di Edimburgo, è capitale della Scozia dal 1437 e sede del governo scozzese. Fu uno dei più importanti centri di istruzione e cultura durante l'Illuminismo grazie all'Università di Edimburgo. I suoi distretti The Old Town (città vecchia) e The New Town (città nuova) sono stati dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1995.[4] Secondo il censimento del 2017 ha una popolazione totale di 513.210 abitanti.[1] Edimburgo è famosa per il suo Festival Internazionale, il più grande festival mondiale di spettacoli dal vivo, e altri festival che si tengono più o meno simultaneamente in estate, la maggior parte dei quali sono raggruppati sotto il nome di Festival di Edimburgo. Durante il festival la popolazione della città raddoppia. Edimburgo è la seconda città più visitata del Regno Unito, dopo Londra, con circa 13 milioni di turisti all'anno.

Toponomastica

Si ritiene che l'origine del nome della città derivi dal britannico Din Eidyn ("Forte di Eidyn"), dai tempi in cui era solo un forte. Nel I secolo i romani documentarono che i Votadini erano una tribù britannica locale, e nel XII secolo l'antico poema Y Gododdin menziona le celebrazioni dei guerrieri nella "grande sala di Eidin". Dopo essere stato attaccato e conquistato dagli anglosassoni berniciani, il nome cambiò in Edim-burh, derivato dall'anglosassone e che significa "Edwin's Fort", in ipotetico riferimento al re Edwin di Northumbria del VII secolo. Tuttavia, è altamente improbabile che sia così, poiché il nome è anteriore a King Edwin. L'elemento burg è molto comune tra i nomi delle città scozzesi e in tutte le lingue germaniche, in quanto designa una classe di città caratterizzata dall'essere cresciuta attorno a una struttura centrale fortificata, come un forte o un castello. La prima prova dell'esistenza della città come entità separata dal forte si trova in un proclama del XII secolo, generalmente ritenuto risalire al 1124, di David I di Scozia, che concedeva terreni alla Chiesa della Holy Edinburgh Road. Ciò suggerisce che l'esistenza ufficiale della città abbia origine tra l'anno 1018 (quando il re Malcolm II si assicurò i Lothian dai Northumbri) e l'anno 1124. Il proclama si riferisce ai destinatari in latino come "Ecclisie Sancte Crucis Edwin esburgensi", il che potrebbe indicare che la persona che ha emesso il proclama credeva che Edwin di Northumbria fosse la fonte originaria del nome della città e derivasse la latinizzazione da quella che credeva fosse il vecchio nome. Può anche essere che in precedenza, prima dell'XI secolo, il nome fosse stato modificato per includere una "w". Se fosse stato così, sarebbe presto cambiato comunque, poiché negli anni '60 del 1160 Guglielmo I di Scozia usò il nome Edenesburch in un proclama (sempre in latino) che confermava la donazione del 1124 da parte di Davide I di Scozia. Documenti del XIV secolo mostrano che il nome era già stato trasformato nella sua forma attuale, ad eccezione delle differenze di ortografia (Edynburgh o Edynburghe), che erano solo ortografie comuni in questo momento.

Altri nomi

La città è affettuosamente soprannominata Auld Reekie, che in scozzese significa "Old Chimney" o "Old Smoky". Questo perché durante i tempi in cui legna e carbone erano gli unici combustibili disponibili, tutti i camini immettevano grandi quantità di fumo nell'aria. Auld Reekie si riferiva anche alle terribili condizioni sanitarie che causavano un enorme odore sgradevole in tutta la città. Alcuni chiamano Edimburgo il