casa discografica

Article

June 25, 2022

Una casa discografica o casa discografica, nota anche come etichetta discografica, casa discografica o etichetta, è un'azienda che si dedica alla realizzazione di registrazioni musicali, nonché al marketing e alla distribuzione. Alcune di queste aziende hanno i propri studi di registrazione e i propri professionisti, per cercare il miglior suono nella registrazione di un album musicale come produttori discografici. Inoltre, ha il compito di produrre artisti di qualsiasi genere musicale, lanciare nuovi cantanti, fornire quanto necessario per promuoverli come produzione di video musicali, caricare la loro musica su piattaforme di musica in streaming o negozi digitali o, in mancanza, produrre e distribuire CD , vinile e cassette (nei paesi in cui questi formati sono ancora redditizi). Possono anche essere incaricati di dare promozione in radio, stampa, televisione e Internet. Attualmente, l'industria discografica sta cambiando il suo modo di lavorare a causa dei download non autorizzati su Internet e del crescente aumento mondiale della pirateria di CD e DVD, al punto che ha reso questi formati promozionali economicamente impraticabili in molti paesi (soprattutto nel secondo e terzo paesi del mondo), costringendo le case discografiche a implementare nuovi modi di vendere e modificare i contratti degli artisti per continuare nel mercato musicale.

Registra i contratti

I contratti stipulati con gli interpreti sono generalmente per la produzione di 2 o 3 opere musicali, se hanno una buona performance nella vendita e promozione dei loro album e singoli, il contratto si rinnova previo accordo di entrambe le parti. Se per qualche ragione l'artista non vuole continuare e decide di cambiare casa discografica senza che il precedente contratto sia scaduto, la casa discografica procede a querela per presunta violazione del contratto, che generalmente si risolve con il pagamento di una certa somma di denaro, costringendo l'artista a continuare con la casa discografica o l'annullamento del contratto. A causa della diminuzione mondiale delle vendite di opere discografiche, generata in gran parte dalla pirateria, le case discografiche hanno iniziato ad attuare un nuovo modello contrattuale chiamato "Contratto a 360º" che, a differenza di quello convenzionale, richiede all'artista di cedere parte dei suoi profitti, ottenuti da qualsiasi attività in cui genera denaro; Ad esempio, se l'artista esegue una presentazione musicale, deve dare una percentuale degli utili alla casa discografica; in cambio gli album musicali, i singoli oi videoclip da lui prodotti diventano oggetti promozionali interamente finanziati dall'etichetta. I rapporti tra artisti e case discografiche non sono sempre buoni; a volte, le aziende interrompono la pubblicazione di determinate opere musicali ritenendole non commerciali o, a volte, per motivi di censura. Ci sono anche conflitti sulla partecipazione agli utili e su chi possiede i diritti per riprodurre le canzoni.

Principali etichette discografiche

Le case discografiche sono spesso controllate da gruppi internazionali di società di proprietà di holding internazionali. Questi gruppi di società controllano l'editoria, la registrazione, la distribuzione e le case discografiche. Nel 2011, i tre principali gruppi di compagnie musicali (conosciute come le Tre Grandi) controllano il 70% del mercato discografico mondiale e l'80% degli Stati Uniti.[1] Grandi francobolli 1973-1988 RCA Records Columbia Records (CBS) Record MCA poligramma EMI WEA (ex Warner Bros. Records) Record epici Record dell'isola Sony Music Latin (popolare in paesi come Porto Rico) Fonovisa Records (popolare in Messico) Major Labels 1988-1998 EMI Universal Music Group (ex MCA Records) Sony Music (ex CBS) Warner Bros. Records Poligramma / Polydor BMG Music (ex RCA e Ariola) sigilli maggiori