Identificatore di oggetto digitale

Article

July 3, 2022

L'identificatore di oggetto digitale, noto in inglese come identificatore di oggetto digitale e abbreviato DOI e DOI, è un collegamento permanente sotto forma di codice alfanumerico che identifica in modo univoco il contenuto elettronico. Questo specifico pezzo di contenuto intellettuale può essere un articolo scientifico, un'immagine, un libro, una canzone o altro, purché sia ​​un oggetto nell'ambiente digitale.[1] Un modo comune di utilizzare il sistema DOI è quello di assegnare alle pubblicazioni scientifiche un numero specifico che chiunque può utilizzare per individuare il suddetto articolo tramite Internet. A differenza del sistema URL, utilizzato nelle pagine web, il sistema DOI non cambia nel tempo, anche se l'articolo viene ricollocato a un indirizzo diverso poiché porta le informazioni incorporate sotto forma di metadati. Il funzionamento del DOI è dovuto alla collaborazione di tre tipologie di organizzazioni: International DOI Foundation: [2] Si occupa della gestione e della promozione degli standard del marchio. Corporation for National Research Initiatives: [3] Associazione americana senza scopo di lucro volta a promuovere lo sviluppo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel campo della ricerca scientifica e che si occupa di sviluppare e mantenere l'intero sistema per il corretto funzionamento del DOI. Agenzie di registrazione: consentono agli editori di ottenere un DOI per le loro pubblicazioni secondo i criteri della International DOI Foundation. Alcune agenzie di registro sono DataCite.[4] mEDRA [5] e CrossRef. [6] CrossRef è la più grande agenzia di registro ed è stata fondata nel gennaio 2000. Finora ha 10.800 membri provenienti da più di 114 paesi diversi e più di 90 milioni di voci di contenuto proprietario; Inoltre, dispone di diversi strumenti per velocizzare la ricerca di informazioni scientifiche. Uno degli strumenti che CrossRef offre è la CrossRef Metadata Search [7] che consente di ottenere, semplicemente fornendo il DOI, i dati di base di una pubblicazione come titolo, parole chiave, autori e abstract, tra gli altri. È inoltre possibile ottenere i metadati nei formati Bibtex [8] e RIS, nonché il riferimento bibliografico nei formati APA, Vancouver, Chicago, MLA, IEEE e Harvard. Un esempio di come funziona il DOI è in Brasile, dove la Piattaforma Lattes del Conselho Nacional de Desenvolvimento Científico e Tecnológico (Consejo Nacional de Desenvolvimento Científico y Tecnológico, CNPq) utilizza il DOI come forma digitale di certificazione della produzione di letteratura registrata da ricercatori nei loro CV Latte. Quando un programma browser trova un numero DOI, utilizza il prefisso per trovare il database dell'editore per accedere alle informazioni sul libro o sul giornale, che possono includere dati di catalogo, recensioni e collegamenti.

Riferimenti

Collegamenti esterni

Il sistema di identificazione degli oggetti digitali. Sito ufficiale del CNRI (in inglese). Il servizio di amministrazione privata del DOI.